--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lavoro - Il comitato scrive al presidente Meroi affinché la questione venga affrontata per tempo

Precari della Provincia, dopo marzo che fine faremo?

Condividi la notizia:

Palazzo Gentili sede della Provincia di Viterbo

Riceviamo e pubblichiamo – Prendiamo il problema per tempo. E’ questa la richiesta che noi, comitato precari della Provincia di Viterbo, ci sentiamo di fare al presidente Marcello Meroi e alla giunta tutta.

Pur volendo credere alle promesse che ci sono state fatte negli ultimi mesi da Meroi, siamo seriamente preoccupati per il nostro futuro lavorativo. Siamo rientrati al lavoro il 28 gennaio scorso, dopo quattro settimane di fermo, e ora non sappiamo cosa succederà dopo il 31 marzo, giorno in cui si concluderà il nostro contratto. Contratto che vorremo sottolineare è di sole 18 ore settimanali.

Le voci che sentiamo per i corridoi di palazzo Gentili non sono per niente incoraggianti né rassicuranti. Lo stop di gennaio, secondo quanto ci è stato detto a dicembre, doveva servire a far “risparmiare qualche euro” e a farci “guadagnare qualche mese in più di lavoro” e invece ci siamo trovati a sottoscrivere un contratto con una decurtazione di orario e una durata di soli due mesi. Tanto per essere chiari: lavoriamo per circa 600 euro al mese.

Se non ricordiamo male questo contratto di due mesi doveva servire a scavallare il periodo elettorale. Ma siamo davvero sicuri che poi troveremo una soluzione?

Pur riponendo molta fiducia nel nuovo governo, crediamo sia impossibile che a marzo sarà già previsto il rifinanziamento del lavoro precario e si avrà un’idea chiara di quante e quali saranno le funzioni mantenute dalla Provincia con la conseguente nuova erogazione del Fondo sociale europeo.

Temiamo seriamente, in un contesto di incertezze, di restare di nuovo senza lavoro. Siamo convinti che si possa trovare una soluzione migliore, per tutti, e chiediamo che il nostro problema sia affrontato con serietà e umanità e non l’ultima ora dell’ultimo giorno utile.

Comprendiamo benissimo che, in questo particolare periodo, la classe
politica è molto impegnata, a causa della elezioni del 24 e 25 febbraio,
ma ci chiediamo: se non avete tempo ora di occuparvi di questo tipo di problemi, siamo sicuri che lo troverete poi?

Comitato precari Provincia di Viterbo


Condividi la notizia:
7 febbraio, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR