--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bagnoregio - Saranno messe a disposizione dei visitatori

Al museo Taruffi arrivano le audioguide

Condividi la notizia:

Un'immagine contenuta al museo Taruffi

Un'immagine contenuta al museo Taruffi

– Per mantenersi al passo con i tempi e rendere più interessante e piacevole la visita il museo Piero Taruffi di Bagnoregio si è dotato proprio in questi giorni di audio guide che verranno messe gratuitamente a disposizione dei visitatori.

Attualmente il testo è solo in lingua italiana ma quanto prima sarà udibile anche in inglese, francese, tedesco e spagnolo. La guida racconta con particolari ed aneddoti come e perché è nato il museo, la sua filosofia espositiva, la sua continua evoluzione per cercare di attirare il maggior numero di visitatori possibile e, soprattutto, descrive chi è stato Piero Taruffi: un pilota di auto e moto ma, prima di tutto, un tecnico raffinato e all’avanguardia, uno dei primi al mondo a interessarsi di aerodinamica e di quanto questo aspetto potesse e possa essere fondamentale per il progresso auto motociclistic.

Tutto questo a metà del secolo scorso quando ancora erano lontani i problemi dei costi dei carburanti che oggi sono all’ ordine del giorno.

Le guide raccontano anche dei progetti di autodromi dell’ingegner Taruffi: non tutti sanno che la sua matita ha disegnato Vallelunga, che dal 2006 porta il suo nome, Misano e, in Giappone, Izu Peninsula, Funabashy e Suzuka, dove ancora si corre la formula 1. A completare l’accoglienza per i visitatori due maxi schermi sui quali scorrono in continuazione filmati storici.

Oltre mille metri quadrati di esposizione con una grande rassegna di auto da rally , una originale e, forse unica, collezione di microcar, una sezione dedicata al cinema con particolare riguardo al film “La Strada” girato nel 1954 da Federico Fellini a Bagnoregio , una raccolta di radio d’ epoca e, per concludere, una sezione dedicata all’ingegner Francesco De Virgilio, progettista del primo motore mondiale di 6 cilindri a V che equipaggiava le Lancia Aurelia.

Il museo Taruffi è aperto il mercoledi, il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 (da giugno a settembre dalle 16 alle 20) , il costo del biglietto è di quattro euro (ridotto 2).


Condividi la notizia:
25 marzo, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR