Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Inchiesta Genio e sregolatezza - Ok dai pm: un anno e mezzo per Gianfranco, un anno e dieci mesi per la figlia Daniela

Appalti truccati, i Chiavarino chiedono il patteggiamento

di Stefania Moretti

Condividi la notizia:

L'imprenditore Gianfranco Chiavarino

L’imprenditore Gianfranco Chiavarino

Daniela e Gianfranco Chiavarino patteggiano.

Gli imprenditori di Celleno, padre e figlia, trascinati nell’appaltopoli viterbese, hanno raggiunto un accordo coi pm.

Daniela Chiavarino patteggerà un anno e dieci mesi di reclusione. Il padre Gianfranco un anno e mezzo. Entrambi con la condizionale, l’istituto che prevede di non scontare la pena in carcere, purché inferiore ai due anni.

I magistrati Fabrizio Tucci e Stefano D’Arma hanno dato l’ok ieri mattina. Per i Chiavarino, i pm avevano chiesto il giudizio immediato. Ovvero: il processo subito. Senza passare per l’udienza preliminare. Stesso discorso, per gli altri nove imprenditori, amministratori e funzionari del Genio civile finiti in manette nell’inchiesta “Genio e sregolatezza”, sugli appalti truccati a Viterbo e provincia. Gli arrestati erano tredici, in realtà. Ma solo per undici è stato chiesto il processo-lampo.

I Chiavarino sono i primi a spezzare il fronte compatto del giudizio immediato. Solo pochi giorni fa, la stampa li dava come sicuri imputati al processo “Genio e sregolatezza”, fissato al 7 maggio. E invece no.

Per quella data, probabilmente, davanti ai giudici arriveranno in nove, salvo ripensamenti – sempre possibili – dell’ultim’ora. Tra i più indecisi c’è l’imprenditore Roberto Tomassetti. Gli altri sarebbero tutti orientati al giudizio immediato. Ma c’è ancora qualche giorno per pensarci.

Per i Chiavarino, le voci di patteggiamento che circolavano da settimane sono ufficiali da ieri, dopo il parere positivo dei pm. Ma non è ancora cosa fatta. Il gip dovrà fissare l’udienza e decidere.

L’indagine, scoppiata come una bomba con le due raffiche di arresti tra ottobre e novembre, ha fatto tremare i polsi all’imprenditoria viterbese. Molti dei 63 indagati sono titolari di aziende di costruzione di Viterbo e provincia. 12 milioni di euro il valore complessivo degli appalti truccati, che gli inquirenti quantificano in 26. Daniela Chiavarino, stando alle indagini, avrebbe contribuito a pilotarne dieci.

Per i pm era una tra gli imprenditori più attivi, nel presunto sistema di spartizione degli appalti. Di lei, nell’ordinanza di custodia cautelare, i sostituti procuratori scrivono che operava con “estrema spregiudicatezza”. Ma la Chiavarino è stata anche la prima a sottoporsi a un interrogatorio fiume con magistrati. L’unica a rispondere per sei ore alle loro domande. Appalto per appalto.

Il padre l’ha seguita poco dopo. Anche lui ha scelto la linea della collaborazione. E anche lui è stato scarcerato dopo un lungo colloquio in procura.

Ora, arriva il patteggiamento per entrambi. L’ultimo, identico passo su una strada che padre e figlia hanno percorso insieme dall’inizio. E insieme, allo stesso modo, hanno deciso di chiudere.

Stefania Moretti


Condividi la notizia:
20 marzo, 2013

Genio e sregolatezza - L'inchiesta ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, stralciati i Chiavarino e Tomassetti
  2. Appalti truccati, Tomassetti vuole patteggiare
  3. Appaltopoli, in 11 a giudizio immediato
  4. "Gabriela Annesi lasciata fuori dagli uffici del Genio civile"
  5. Appaltopoli, liberi tutti
  6. Appalti truccati, Lanzi ai domiciliari
  7. Fabrizio Giraldo torna libero
  8. Santori torna a lavoro
  9. Due ore di interrogatorio per Cardoni
  10. Roberto Lanzi resta in carcere
  11. Forestale negli uffici del Consorzio Teverina
  12. Appalti truccati, si torna al Riesame
  13. Appaltopoli, la procura vuole il processo subito
  14. Appalti truccati, Lanzi torna a chiedere i domiciliari
  15. Roberto Lanzi resta in carcere
  16. "Santori non è un mostro e non ha preso tangenti"
  17. Lanzi chiede gli arresti domiciliari
  18. "Lanzi mi disse che Santori chiedeva una tangente..."
  19. Annesi e Girotti ai domiciliari
  20. Gabriela Annesi ha parlato
  21. Lanzi e Annesi dai pm
  22. Natale in cella per Gabriela Annesi
  23. "Balducci non poteva interferire con quella gara"
  24. Tomassetti ai domiciliari
  25. Tomassetti cinque ore davanti al pm
  26. "Nessun altro interrogatorio per Santori"
  27. Appalti truccati, anche Giraldo ai domiciliari
  28. Appalti truccati, sotto torchio l'avvocato Luigi Todaro
  29. Appalti truccati, Santori ai domiciliari
  30. "No alla strategia del terrore dei pm"
  31. Appalti truccati, si va in Cassazione
  32. Appalti truccati, respinti i ricorsi
  33. Appalti truccati, il Riesame si riserva
  34. Appalti truccati, nuova sfilata al Riesame
  35. Appalti truccati, il Riesame non scarcera
  36. Appalti truccati, Gianfranco Chiavarino ai domiciliari
  37. Appalti truccati, i giudici si riservano
  38. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  39. Sei e sarai per sempre il mio superpapà...
  40. Gabriela Annesi resta in cella
  41. Lanzi tra Porsche, Audi e negozi
  42. Appalti truccati, il 10 l'udienza al Riesame
  43. Appalti truccati, via ai ricorsi al Riesame
  44. Arresti domiciliari a Daniela Chiavarino e a Bilancini
  45. "Nessuna possibilità di aggiudicarsi gli appalti"
  46. "Io non segnalo o sponsorizzo nessuno..."
  47. Santucci nelle carte dell'inchiesta
  48. Appalti truccati, il 12 udienza al Riesame per Santori
  49. "Annesi succube di Lanzi", "Cardoni innocente"
  50. Appalti truccati, otto restano in carcere e tre ai domiciliari
  51. Appalti truccati, corsa delle difese al Riesame
  52. Una cartolina dal lago...
  53. Intercettazioni, le difese annunciano battaglia
  54. Così si spartivano gli appalti
  55. Per colpa della "sregolatezza" non sappiamo come andare avanti...
  56. Toh, la pista pedonabile tra gli appalti truccati...
  57. Appalti truccati, spunta una tangente da 40mila euro
  58. "Santori non può inquinare le prove, né ripetere il reato"
  59. Appalti truccati, interrogatorio per Santori & Co.
  60. Non abbiamo ricevuto nulla
  61. Appalti truccati, Cardoni consegna documenti al gip
  62. Appalti truccati, in tre non rispondono
  63. Appalti truccati, gli arrestati davanti al gip
  64. Malore Chiavarino, forestale: Attivate tutte le procedure sanitarie
  65. "Un sistema di corruzione ben oliato"
  66. "Scapigliati ha già chiarito la sua posizione"
  67. Appalti e tangenti, 63 sotto inchiesta
  68. Blitz della forestale, Santori si dimette
  69. Tutto iniziò con cave e tangenti
  70. Rifiuti e appalti, arrestato il sindaco di Graffignano
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR