Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Processo Cev - Ascoltato un imprenditore del consorzio

“Lavoravamo per la città”

Giancarlo Gabbianelli

Armando Balducci

Armando Balducci

Attilio Moretti

Attilio Moretti

I pm Paola Conti e Franco Pacifici

I pm Paola Conti e Franco Pacifici

“Lavoravamo solo per migliorare la città. L’obiettivo era potenziare i servizi”.

A parlare è Fabio Chiovelli, imprenditore viterbese ascoltato ieri mattina al processo Cev, società partecipata del Comune di Viterbo. 26 gli imputati, tra membri della giunta comunale dell’era Gabbianelli, dirigenti e imprenditori, a giudizio per abuso d’ufficio ed emissione di fatture false. Su diciassette di loro pesa anche l’accusa di associazione a delinquere.

I magistrati Paola Conti e Franco Pacifici hanno chiesto a Chiovelli come e perché entrò a far parte del consorzio di imprese destinatarie degli appalti del Cev, nei primi anni Duemila.

La società, per i pm, non era nient’altro che un filtro, attraverso il quale l’amministrazione comunale affidava appalti a una stretta cerchia di imprenditori: quelli raccolti nel consorzio. Una torta divisa in parti non proprio uguali. Come Daniele Paiolo, Chiovelli è un altro di quegli imprenditori che escono quasi subito dal consorzio. Anche se per ragioni diverse: Paiolo, sentito alla scorsa udienza, disse di non aver visto neanche l’ombra di un appalto. Chiovelli, semplicemente, lavorava di più fuori provincia. Ma, qualcosa, per conto del Cev, riuscì a fare.

“Mi fu assegnato l’appalto di illuminazione delle mura cittadine – ha spiegato l’imprenditore in aula -. Era tra il 2003 e il 2004. La scelta di affidare i lavori alla mia azienda è stata interna al consorzio. Abbiamo deciso di comune accordo”.

Chiovelli non sa dire se la possibilità di aggiudicarsi quei lavori fosse stata data anche a imprese esterne. Magari, attraverso un’adeguata pubblicizzazione. Scopo dell’accusa è dimostrare che il consorzio fosse un nucleo chiuso e compatto. Con lavori “piovuti dall’alto” e precisamente dall’amministrazione Gabbianelli, ovviamente attraverso il Cev. Solo con affidamenti diretti e senza gare a evidenza pubblica. Ma per Chiovelli le intenzioni del consorzio erano altre: “Io e chi ne faceva parte volevamo offrire servizi migliori ai viterbesi. Mettere a disposizione le nostre professionalità per fare qualcosa di concreto per Viterbo”.

I pm avevano previsto un’udienza fiume. Oltre a Chiovelli, doveva essere ascoltato anche Giovanni Rubini, ex direttore generale del Comune di Pesaro e autore, tra l’altro, di una pubblicazione sulla riorganizzazione dei servizi pubblici della città di Viterbo.

Rubini era a Roma per l’intronizzazione del Papa. I magistrati vogliono assolutamente ascoltarlo alla prossima udienza del 24 maggio.

20 marzo, 2013

Cev ... Gli articoli

  1. Rotelli e Arena testimoni d'accusa contro l'ex sindaco Gabbianelli...
  2. "Cantiere per la piscina, mai visti contrasti tra Londero e Ciucciarelli"
  3. "Il presidente Moretti non si è mai interessato all'appalto"
  4. Crack Cev, corsa contro il tempo per la sentenza
  5. "No all'affidamento di lavori ai soci privati senza gara"
  6. Processo Cev, alla sbarra restano in sette
  7. No alla sentenza subito per Gabbianelli
  8. Processo Cev, per Gabbianelli sarà sentenza subito?
  9. Gabbianelli: "No alla prescrizione, si vada a sentenza"
  10. Processo Cev, parola ai testimoni delle difese
  11. Trenta accuse prescritte, quel che resta del Cev
  12. Processo Cev, battaglia sui testimoni
  13. Soldi "per mandare in vacanza i politici", Ciucciarelli si difende
  14. "Nessuna cena con i politici di An"
  15. Processo Cev, tocca alle difese
  16. Cev, il comune batte cassa ma gli imputati fanno ricorso
  17. Gabbianelli si difende per più di quattro ore
  18. Fatture false al Cev, prosciolti in quattro
  19. "Costretto ad andare a cena coi politici di An"
  20. "Duemila euro per mandare in vacanza i politici"
  21. Balducci non aveva precisi obblighi di controllo
  22. "Una sentenza che mi ha restituito il sorriso"
  23. Cev, assolto Armando Balducci
  24. "C'abbiamo in azione il macchinario che fa i coriandoli..."
  25. "Trasferiti perché davamo fastidio"
  26. Crack Cev, parlano i dirigenti comunali
  27. Un buco tra i due e i tre milioni di euro sulle spalle del Comune
  28. C'era una volta il crack Cev...
  29. Processo Cev, via all'ascolto dei testimoni
  30. Gabbianelli: "Rinuncio alla prescrizione per tutti i reati"
  31. Fuori dal processo: Rotelli, Arena, Muroni, Fracassini, Tofani e Zucchi
  32. Scandalo Cev, centinaia di testimoni
  33. Processo Cev, slitta l'udienza
  34. Cev e Comune parti civili
  35. Muroni e Zucchi non fanno un passo indietro
  36. Scandalo Cev, parte il processo
  37. Cev, il Comune si costituirà parte civile
  38. Muroni condannato a pagare 190mila euro
  39. Dimettersi? E perché mai...
  40. "Valuteremo se costituirci parte civile"
  41. Bartoletti: Il comune si costituisca parte civile
  42. Il comune si costituisca parte civile e gli assessori si dimettano
  43. Cev, in 34 a processo
  44. Solo fango, e ingiuste e preannunciate decisioni...
  45. Cev, Gabbianelli & Co. rinviati a giudizio
  46. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  47. Cev, parlano le difese
  48. Cev, salta l'udienza
  49. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  50. "E' tutto regolare"
  51. Inchiesta Cev, tocca alle difese
  52. Cev, chiesto il rinvio a giudizio per Gabbianelli e gli altri indagati
  53. Cev, una notifica fa saltare l'udienza
  54. Sentenza Cev, tutti pronti a fare ricorso
  55. Gabbianelli attacca magistratura e Finanza

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564