--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vetralla - Lettere - Scrive Alfredo Moretti

Trenitalia ha escluso Tre Croci, ma perché?

Condividi la notizia:

La ferrovia

Riceviamo e pubblichiamo – Trenitalia, con il nuovo orario, ha cancellato tutte le fermate, o quasi tutte, alla stazione di Tre Croci, frazione di Vetralla, dove ogni ora i treni continuano a passare.

Tre Croci dista meno tre chilometri da Vetralla e dalla sua stazione ferroviaria, dove i treni continuano a fermarsi ogni ora, e dalla strada Cassia percorsa dal servizio regionale Cotral.

Questa insensata, arrogante, unilaterale e arbitraria decisione impedisce agli anziani, quali il sottoscritto e sua moglie, e ai non motorizzati di raggiungere autonomamente Roma o Viterbo, alla faccia della politica della limitazione del traffico privato, della spesa e dell’inquinamento.

Si sappia che il “brain trust” di Trenitalia non ha previsto il ritorno degli studenti da Viterbo a fine lezioni.

Il basso movimento di passeggeri alla stazione di Tre Croci, sicuramente non giustificava le fermate ogni ora, per tutte e due le direzioni, come previsto dal precedente orario, ma sembra necessario ed indispensabile ristabilire la fermata almeno quattro volte, in ore possibili da Roma e da Viterbo, in ogni direzione, ovvero creare un servizio tra la stazione di Vetralla e la frazione di Tre Croci, dove, anche durante l’ultima guerra e fino all’ultimo bombardamento della stazione di Capranica, si fermavano almeno dieci treni al giorno.

Alfredo Moretti


Condividi la notizia:
12 marzo, 2013

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR