Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Diritti - E' il 14esimo paese a disciplinare le unioni tra persone omosessuali - L'Italia sta ancora a guardare

Matrimoni gay, quel sì della Francia…

di Emanuela Dei

Condividi la notizia:

Emanuela Dei al Gay Pride

Emanuela Dei al Gay Pride

Riceviamo e pubblichiamo – Finalmente! Anche la Francia approva la legge sul matrimonio e l’adozione da parte di coppie formate da persone dello stesso sesso.

Con tale approvazione di legge, la Francia, risulta essere il 14esimo paese a disciplinare, con l’articolo 143 del codice civile, le unioni tra persone omosessuali. Il cerchio si stringe e, in Europa, l’Italia continua a non voler legiferare su di un tema importantissimo. Le coppie omosessuali continuano ad esistere ma non hanno nessuna tutela.

L’Argentina ha legalizzato tali legami nel 2010, e l’Uruguay l’11 aprile del 2013. La Nuova Zelanda ha discusso il problema e lo ha risolto il problema il 17 aprile scorso, aprendo la strada alle adozioni. Ricordiamo che in Nuova Zelanda l’omosessualità era stata depenalizzata solo nel 1986. Non solo, persino l’Europa ha “sollecitato” il governo italiano ad affrontare la questione. Ma a nulla è servito.

Per il momento la corte di cassazione, con la sentenza 4184/2012, ha ribadito che “le coppie omosessuali, sebbene con l’attuale legislazione, non possano far valere il diritto a contrarre matrimonio né il diritto della trascrizione del matrimonio contratto all’estero”, tuttavia hanno “diritto alla vita familiare” e a “vivere liberamente una condizione di coppia” con possibilità, in presenza di “specifiche situazioni”, di un “trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”.

Purtroppo anche tali “specifiche situazioni” non sono state ancora determinate. L’amore, la convivenza, il reciproco aiuto morale e materiale non sono abbastanza per riconoscere un trattamento a norma di legge.

Speriamo che il nostro Paese non rimanga il solo in tutta Europa a non voler trattare questo tema. Speriamo che anche le coppie omosessuali, come per quelle eterosessuali, abbiamo la possibilità, di scegliere se unirsi in matrimonio con la persona che amano, acquistando i diritti e i doveri che questo vincolo impone.

Emanuela Dei

 


Condividi la notizia:
24 aprile, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR