Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bolsena - Tentata estorsione e rapina, parla l'imputato

Minaccia conoscente con pistola giocattolo, ma lui nega

Condividi la notizia:

L'avvocato Paolo Delle Monache

L'avvocato Paolo Delle Monache

L'avvocato Vincenzo Dionisi

L'avvocato Vincenzo Dionisi

E’ accusato di aver minacciato un conoscente con la pistola e di avergli rubato la macchina. Ma l’arma era giocattolo e la macchina era solo in prestito.

Si è giustificato così L. C., 47enne napoletano residente a Bolsena. Ieri mattina ha parlato lui al processo che lo vede imputato per tentata estorsione e rapina. La vittima è un suo compaesano che lo ha denunciato più di una volta. La querelle nasce proprio da una di queste denunce: quella per appropriazione indebita sporta nel 2009 contro L.C.. Il giovane bolsenese lo accusava di non avergli mai pagato il fuoristrada che gli aveva venduto.

E’ a quel punto che, per l’accusa, l’imputato esagera: minaccia l’altro con una pistola per convincerlo a ritirare la denuncia, poi gli ruba la sua Peugeot. Ma L. C. nega di aver mai puntato l’arma alla tempia del conoscente e, ieri mattina, in aula, ha aggiunto: “La pistola è finta e ce l’avevo a casa. Quanto alla macchina, mi era stata data in prestito ed ero d’accordo con il proprietario che gliel’avrei riportata”.

Oltre a lui, sempre ieri, è stata ascoltata la moglie, citata dall’avvocato dell’imputato, Paolo Delle Monache. A rappresentare la presunta vittima, invece, è l’avvocato di parte civile Vincenzo Dionisi, che assiste anche lo zio del giovane bolsenese nell’altro processo contro L. C..

In questo caso, il 47enne napoletano deve rispondere di ingiurie. Secondo il pm Stefano D’Arma, avrebbe insultato pesantemente un antiquario di Bolsena, sempre per convincerlo a ritirare una denuncia sporta contro di lui.

I due processi continueranno  a giugno e luglio.


Condividi la notizia:
3 aprile, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR