--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il più vasto blitz mai condotto a Viterbo - 40 arresti - Prossima udienza a luglio

Operazione Drago, slittano i patteggiamenti

Condividi la notizia:

Michel Barberio, fratello di Django, arrestato anche lui

Michel Barberio 

Uno degli arrestati, Django Barberio

Django Barberio 

Slittano a luglio i patteggiamenti del processo Drago. 

La maxi operazione dei carabinieri di Viterbo, che portò all’arresto di 40 persone, approda in aula in più filoni diversi.

Uno è quello dei patteggiamenti: una decina gli indagati che hanno scelto il processo con riti alternativi. La maggior parte ha già concluso un accordo per il patteggiamento. Qualcun altro sarà giudicato con rito abbreviato.

Tra questi c’è anche il tatuatore sorianese Michel Barberio, perno dell’inchiesta insieme al fratello Django. Per l’accusa, i Barberio erano la mente della rete di spaccio stroncata dal blitz Drago. Ma le indagini fecero scoprire tutta una serie di altre attività legate alla cocaina: usura, estorsioni, traffico di anabolizzanti. Sostanze, queste, che i Barberio avrebbero utilizzato per primi, per pompare la muscolatura e impaurire i debitori, già vessati da minacce e richieste di denaro.

L’inchiesta, del resto, nasce proprio da uno di loro: Dragos, un cittadino romeno con vecchi debiti di droga che, per vendetta, esplose numerosi colpi di pistola contro la Bmw dei Barberio. Ma l’attenzione si spostò ben presto sui due fratelli.

Per Django, accusato anche di sfruttamento della prostituzione e violenza sessuale, il processo continua davanti al collegio, con rito ordinario, nel troncone dei reati più gravi. Michel, invece, ha scelto l’abbreviato. 

L’udienza avrebbe dovuto svolgersi ieri mattina, ma è saltata per un paio di notifiche errate. Chi ha scelto il patteggiamento o l’abbreviato, come Michel, dovrà tornare in aula a luglio.


Condividi la notizia:
16 aprile, 2013

Operazione Drago ... Gli articoli

  1. "Mi hanno puntato una pistola alla testa", ma per l'accusa era una farsa
  2. Sparatorie notturne e donne costrette a fare la vita, è corsa contro il tempo
  3. Anabolizzanti e droga, ennesimo stop al processo
  4. Processo Drago, ennesimo rinvio
  5. "Drago bis, processo inutile"
  6. Processo "Drago bis", scontro in aula sulle indagini
  7. Favoreggiamento agli spacciatori, sì alle intercettazioni
  8. Favoreggiamento agli spacciatori, in venti a processo
  9. E lo spaccio in provincia si organizza in macchina
  10. "Con la mia prostituzione ci si pagava la benzina"
  11. Il bottino dei furti rivenduto su Internet
  12. Rompe il braccio alla compagna, arrestato
  13. Cocaina e furti, in undici alla sbarra
  14. "Se riesci a vivere con l'idea che qualcuno ti possa sparare..."
  15. Cocaina volata via col vento...
  16. Maxi blitz per droga e anabolizzanti, patteggiano in tre
  17. L'operazione Drago si spezza in tre
  18. Maxi operazione Drago, inizia il processo
  19. Drago, ok del Riesame alle richieste delle difese
  20. Operazione Drago, in tre davanti al Riesame
  21. Operazione Drago, scarcerate due donne
  22. Operazione Drago, le difese chiedono la scarcerazione
  23. Operazione Drago, chiusi gli interrogatori
  24. Michel: "Nessuno spaccio, nessuna estorsione"
  25. Operazione Drago, raffica di interrogatori
  26. Primi interrogatori per i 40 arrestati
  27. Pacco, foglio, melle e gli altri nomi per chiamare la droga
  28. Tatuati, palestrati e pregiudicati
  29. Lui la violentava e lei guardava
  30. Operazione Drago, 40 arresti
  31. "La più vasta operazione mai condotta a Viterbo"
  32. L'indagine partita da una Bmw crivellata di colpi
  33. Usura e droga, quaranta arresti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR