Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni amministrative 2013 - Sabato pomeriggio alle 19.00 Viva Viterbo abbraccerà la città in un particolare flash mob intorno alle mura

Viterbo ha bisogno di una scossa d’amore

di Filippo Rossi
Condividi la notizia:

Filippo Rossi

Filippo Rossi

Riceviamo e pubblichiamo – Sabato pomeriggio alle 19.00 con gli amici di Viva Viterbo abbracceremo la città. Sì, avete capito bene: ci metteremo tutti intorno alle mura e stringeremo in un abbraccio, letteralmente, la nostra Viterbo. Non è un modo di dire, insomma. Sarà un abbraccio vero, fisico. E siete tutti invitati. Appuntamento alle 19.00, dicevamo, in un punto qualsiasi attorno alle mura.

Quando San Francesco decise di rispondere alla chiamata di Dio, abbandonò tutti i suoi beni, i suoi vestiti e si recò fuori Assisi dove, nascosti alla vista e al contatto con la città, vivevano i lebbrosi.

Francesco era confuso, impaurito, non sapeva come aiutarli o come confortarli e fu allora che compì il primo di una lunga serie di gesti che ancora oggi scuotono il nostro animo e il nostro spirito: indifferente alle loro piaghe li abbracciò, a lungo, senza paura. Lo fece per trasmettere amore, per far capire a quegli “esclusi” che condivideva le loro pene, le loro angustie le loro vergogne.

Quello di Francesco fu un gesto rivoluzionario. Ma, a pensarci bene, quando un amico è in difficoltà o in pericolo, qual è la prima cosa da fare se non abbracciarlo per trasmettergli sicurezza, tranquillità o anche solo il nostro calore?

Ecco il senso profondo di ciò che Viva Viterbo vuol fare con il suo concretissimo abbraccio alla città.

Vogliamo dimostrare, tutti insieme, quanto vogliamo bene a questa nostra città così malandata. Uomini, donne, bambini, ragazzi di ogni età si daranno la mano e avvolgeranno le mura antiche per trasmettere un po’ di amore a una vecchia amica in difficoltà, impaurita dal futuro, dall’assenza prospettive, dalla crisi; un’amica abbandonata a se stessa da chi invece aveva il compito di proteggerla.

È l’abbraccio di una mamma al proprio figlio, è l’abbraccio di un innamorato al suo amore, è l’abbraccio di un bambino al suo cucciolo.

Viterbo ha bisogno di tutto il nostro calore, della nostra volontà di farle capire che un nuovo rinascimento è possibile, che la bellezza ci può condurre fuori dalle secche in cui ci troviamo e farci tornare a crescere.

Viterbo ha bisogno di una “scossa d’amore”, ha bisogno di sentire i suoi cittadini vicini. Insomma, il gesto di prendersi per mano è l’inizio di un nuovo viaggio, verso una nuova crescita. Ci vediamo sabato prossimo alle 19, lungo le mura. Abbracciamo insieme il nostro amore. La nostra città.

 Filippo Rossi


Condividi la notizia:
17 aprile, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR