Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Dovranno decidere sulla richiesta di sospensione dal servizio per alcuni indagati

Farmacia di Bagnaia, i giudici ci pensano

Condividi la notizia:

Il tribunale di Viterbo

Il tribunale di Viterbo

Sull’interdizione chiesta per due indagati nell’inchiesta sulla farmacia di Bagnaia, il tribunale del Riesame si è riservato. 

I giudici romani non si sono pronunciati ieri. Hanno preso tempo per studiare le carte.

La decisione potrebbe arrivare in capo a dieci, quindici giorni, o anche meno.

L’udienza si è svolta ieri mattina. Gli avvocati Roberto Massatani e Giovanni Labate hanno discusso le posizioni dei loro assistiti, una farmacista e un medico coinvolti nell’indagine sull’anticipazione di farmaci. 5mila euro in due anni l’importo della truffa ipotizzata dal pm di Viterbo Stefano D’Arma.

Il magistrato aveva chiesto già a marzo l’interdizione, ossia la sospensione temporanea dal servizio. Richiesta respinta dal gip Francesco Rigato. Ma la procura ha impugnato l’ordinanza davanti al tribunale del Riesame, già pronunciatosi sul sequestro probatorio della farmacia.

In questo caso, la stroncatura è stata doppia: il provvedimento è stato bocciato sia dal gip che dai giudici romani.

L’indagine nasce nel settembre scorso, da un controllo di routine nelle farmacie viterbesi. I Nas si accorgono di una sistematica anticipazione di medicinali nella farmacia di Bagnaia. Il sistema sarebbe stato quello delle fustelle, gli adesivi con il codice a barre applicati sui farmaci.

Secondo le indagini del nucleo specializzato dell’Arma, al paziente che si presentava in farmacia senza ricetta veniva comunque anticipato il medicinale. La fustella sarebbe stata tolta e applicata su una falsa ricetta, con la complicità dei medici indagati, per incassare i rimborsi. Cinque i professionisti iscritti nel registro degli indagati, che devono rispondere di truffa al sistema sanitario nazionale, in relazione a quei 5mila euro di farmaci anticipati.

L’indagine si è conclusa pochi giorni fa, con la notifica degli avvisi agli indagati. 


Condividi la notizia:
7 maggio, 2013

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR