Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Camera di commercio - Le aziende dal design “Made in Tuscia” incontrano architetti e buyer statunitensi

Incoming dagli Stati Uniti per “Home, Office and Italian Style”

Condividi la notizia:

La Camera di commercio

La Camera di commercio

– Sono quindici le imprese della Tuscia che partecipano alla seconda fase del progetto “Home, Office and Italian Style”, in programma dal 13 al 17 maggio 2013, promosso da Sviluppo Lazio in collaborazione con la Camera di Commercio di Viterbo, nell’ambito delle attività a sostegno dell’internazionalizzazione del sistema economico locale.

La partecipazione all’evento, che prevede l’incoming di una delegazione di rappresentanti di importanti studi internazionali di architettura e di show room di settore, proveniente dall’area di Chicago, offre alle imprese un’importante opportunità di promozione e avvio di rapporti commerciali.

“Il mercato estero – dichiara Ferindo Palombella, presidente della Camera di Commercio di Viterbo – riconosce ai nostri prodotti l’eccellenza, l’affidabilità e la qualità del made in Italy. Questi punti di forza, inseriti nei giusti canali promozionali, permettono al manufatto di intraprendere percorsi di commercializzazione nuovi e stimolanti anche in mercati complessi come quello statunitense”.

Chicago è una delle principali porte d’accesso all’arredamento e ai materiali da costruzione grazie alla presenza d’importanti studi di architettura e design che, per dimensioni e posizionamento, rappresentano uno snodo importante anche verso l’Estremo Oriente, l’India, l’area del Golfo Persico e il Mediterraneo Orientale.

Durante la permanenza in Italia della delegazione americana saranno organizzati un road show con visite presso show room e impianti di produzione industriale e artigianale del Lazio, oltre a incontri di business e un seminario di presentazione delle dinamiche del settore arredo sul mercato d’oltreoceano.

Nei prossimi giorni i delegati stranieri parteciperanno a workshop di divulgazione sul mercato americano presso Bic Lazio e ad incontri B2B con gli operatori italiani, inoltre è previsto l’incontro con gli operatori della provincia di Viterbo a Civita Castellana e visite al Distretto Ceramico civitonico presso aziende che rappresentano l’eccellenza della produzione e del design nell’ambito dell’arredo bagno e alle cave di pietre ornamentali nell’area del Viterbese.

Le aziende della Tuscia che partecipano all’iniziativa sono: per il settore lapideo Artepetra (lavorazioni in marmo e pietre per arredamento di interior e outdoor e articoli di design), GB Basaltite (estrazione e lavorazione della pietra basaltite), Micci (estrazione e lavorazione di peperino), Pietre Santafiora (estrazione e lavorazione di pietre naturali), Todini Sculture (lavorazione artistica marmo e pietre affini, lavori in mosaico); per l’arredo bagno Azzurra Ceramica (fabbricazione articoli sanitari in ceramica), Faleri (produzione di ceramiche, sanitari e affini), Galassia (fabbricazione articoli sanitari in ceramica), Simas (produzione di articoli igienico sanitari in vitreus china e fire clay), Scarabeo Ceramiche (produzione di articoli igienico sanitari in vitreus china e fire clay); per l’arredo Iachini Antonio (restauro di opere d’arte, realizzazione di mobili intarsiati e tagliati in legni pregiati), Modelli Italia (realizzazione calchi e madriforme in gesso resina e gomma); Pomi Emanuele (lavorazioni in ferro battuto), Viadotto Ducale (lavori di restauro e realizzazione di manufatti, mobili e decorazioni), Xilon (produzione mobili).

 


Condividi la notizia:
13 maggio, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR