--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Drum - 61 in manette - Il militare stamattina dal gip - Il gestore trentenne dell'agriturismo non ha risposto

Mega retata antidroga, interrogato il carabiniere arrestato

Condividi la notizia:

Operazione  Drum - Gruppo criminale provincia di Viterbo  - Clicca sulla foto per ingrandire

Operazione Drum – Gruppo criminale provincia di Viterbo – Clicca sulla foto per ingrandire

Operazione  Drum - Gruppo criminale di Marta - Clicca sulla foto per ingrandire

Operazione Drum – Gruppo criminale di Marta – Clicca sulla foto per ingrandire

C.O.

Oliviero Cherubini

C’è anche un carabiniere tra gli arrestati dell’operazione Drum (fotocronaca * gli arrestati nella Tuscia).

Si chiama P.C. ed è in servizio alla compagnia di Tuscania. E’ tra le quaranta persone per le quali il pm Renzo Petroselli ha chiesto la custodia cautelare in carcere. Proprio per lui, in via eccezionale, il sostituto procuratore ha preso parte all’interrogatorio di garanzia di stamattina davanti al gip Salvatore Fanti.

Il carabiniere non è rimasto in silenzio. Per più di un’ora e mezza ha risposto alle domande del giudice, dicendosi completamente estraneo ai fatti contestati. E’ indagato per spaccio di droga. Sull’istanza di scarcerazione avanzata dalla difesa, il gip si è riservato. Prima dovrà pronunciarsi il pm con un parere. 

Oltre al militare, davanti al gip Fanti si è presentato in mattinata anche Oliviero Cherubini, il trentenne gestore dell’agriturismo di Marta nel mirino degli inquirenti. Per gli investigatori funzionava da vera centrale dello spaccio. Già il mese scorso i carabinieri vi avevano trovato all’interno un chilo e 200 grammi di marijuana. Ma l’operazione Drum ha portato alla luce altre dosi nascoste di stupefacente: tanta cocaina e la nuovissima amnès, così chiamata perché in grado di far perdere la memoria.

Diversamente dal militare, Cherubini non ha risposto. Il suo avvocato Roberto Alabiso, per ora, non ha presentato alcuna istanza al gip. “E’ stata additata un’intera famiglia come al centro della gestione dello spaccio – afferma il legale -. Bisognerà capire quanto queste accuse potranno reggere”.

Domani l’interrogatorio di garanzia per gli altri componenti della famiglia Cherubini: la madre M.T.B. e le due figlie S.C. e S.C.. Il padre è agli arresti domiciliari.


Condividi la notizia:
27 giugno, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR