Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Drum - Interrogatori di garanzia, la maggior parte degli indagati ha scelto la linea del silenzio - In manette anche un carabiniere

Droga in agriturismo, gli arrestati non rispondono

Condividi la notizia:

B.M.T

B.M.T

C.G.

C.G.

C.O.

C.O.

C.S.

C.S.

C.S.

C.S.

F.L.

F.L.

Gruppo criminale di Marta - Clicca sulla foto per ingrandire

Gruppo criminale di Marta – Clicca sulla foto per ingrandire

Gruppo criminale provincia di Viterbo  - Clicca sulla foto per ingrandire

Gruppo criminale provincia di Viterbo – Clicca sulla foto per ingrandire

Gruppo criminale di  Civitavecchia -  Clicca sulla foto per ingrandire

Gruppo criminale di Civitavecchia – Clicca sulla foto per ingrandire

Gruppo criminale Roma Acilia -  Clicca sulla foto per ingrandire

Gruppo criminale Roma Acilia – Clicca sulla foto per ingrandire

La droga sequestrata nel corso dell'operazione Drum

La droga sequestrata nel corso dell’operazione Drum

Il materiale sequestrato nel corso dell'operazione

Il materiale sequestrato nel corso dell’operazione

La droga sequestrata nel corso dell'operazione Drum

La droga sequestrata nel corso dell’operazione Drum

Il capo del Nucleo investigativo Giovanni Martufi

Il capo del Nucleo investigativo Giovanni Martufi

Il colonnello Gianluca Dell'Agnello

Il colonnello Gianluca Dell’Agnello

Il sostituto procuratore Renzo Petroselli

Il sostituto procuratore Renzo Petroselli

Operazione Drum - Uno degli arresti

Operazione Drum – Uno degli arresti

Operazione Drum - Una perquisizione

Operazione Drum – Una perquisizione

(s.m.) – Prima raffica di interrogatori di garanzia per l’operazione Drum (fotocronaca *  arrestati nella Tuscia * video  *  video2).

Alcuni degli indagati del maxi blitz antidroga di martedì sono comparsi ieri mattina davanti al gip Salvatore Fanti.

Il giudice li ha interrogati in carcere. Quasi tutti si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Solo per i pochi che hanno deciso di parlare le difese hanno avanzato una formale istanza di scarcerazione. Sulla richiesta, il gip si è riservato in attesa di concludere gli interrogatori e avere il parere del pm Renzo Petroselli.

E’ lui che ha condotto l’indagine culminata nel blitz di martedì mattina. L’operazione, scattata alle prime luci dell’alba, ha portato all’arresto di 61 persone, di cui 23 in provincia di Viterbo tra Tuscania, Montefiascone, Capodimonte, Arlena di Castro e Marta. Tra gli arrestati, ci sarebbe anche un insospettabile carabiniere.

A Marta, gli investigatori avevano scoperto, a fine maggio, un agriturismo convertito in centrale dello spaccio. In arresto finirono il padre G.C., la figlia S.C. e la fidanzata del figlio O.C., che, invece, era riuscito a fuggire per poi costituirsi dopo pochi giorni.

L’intera famiglia è stata raggiunta dall’ordinanza di custodia cautelare di 600 pagine del gip Fanti. Stavolta sono finite in manette anche la madre M. T. B. e l’altra figlia S. C., detenute a Civitavecchia, mentre il padre, malato, è ai domiciliari. Il loro agriturismo, ma anche i tre panifici gestiti dalla stessa famiglia, sarebbero stati utilizzati come punti di stoccaggio dello stupefacente. 

Su 61 arrestati, 40 sono in carcere. Tra oggi e domani saranno ascoltati gli altri, mentre per gli interrogatori dei 21 ai domiciliari ci sono dieci giorni di tempo dalla notifica dell’ordinanza.

Un’operazione dai grandi numeri, quella condotta dal comando provinciale dei carabinieri di Viterbo. 400 gli uomini impegnati, 111 perquisizioni e oltre due chili di droga sequestrata tra marijuana, cocaina, hashish, piante di canapa e la nuovissima amnè, un tipo di stupefacente che può causare anche perdite di memoria. Nelle intercettazioni, la droga veniva chiamata in modi fantasiosi e pittoreschi. Tutti compatibili con la gestione dell’agriturismo e dei panifici: “Sono arrivate le pecore”, “Mi serve altra farina”, ecc.

I militari si sono mossi tra Roma e Viterbo. Dalla Tuscia, gli investigatori si sono spostati nella capitale per ricostruire la rete dei canali di approvvigionamento. Le indagini li hanno portati nei quartieri a San Basilio, Acilia, Trionfale,  Cassia, Monte Mario, Olgiata e sui lidi di Ostia e Civitavecchia.

Un traffico il cui valore, secondo quanto accertato dal pm Petroselli, tocca il milione di euro.

 

 


Condividi la notizia:
27 giugno, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR