Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - La decisione ieri pomeriggio - Oggi la presentazione della giunta

Serra dice no all’assessorato

Condividi la notizia:

Francesco Serra

Francesco Serra

Leonardo Michelini

Leonardo Michelini

– Francesco Serra dice no all’assessorato.

Un sms chiaro che non lascia spazio a interpretazioni. Mittente del messaggio che sarebbe arrivato ieri pomeriggio al sindaco Leonardo Michelini, poco dopo l’annuncio della presentazione della giunta prevista per oggi, è Francesco Serra.

Il renziano avrebbe detto a chiare lettere di non voler accettare la carica di assessore, chiedendo per sé solo la presidenza del consiglio.

Dall’alto dei suoi 868 voti, che lo hanno decretato il più votato della tornata elettorale, Serra sarebbe stato disponibile a un assessorato da affidare a una personalità di area renziana. Prima si era parlato di una figura tra le più significative del centrosinistra,  Sandro Mancinelli,  ma sarebbe arrivato il veto dei fioroniani e di Fioroni stesso. Poi, in una lettera a Tusciaweb, lo stesso Serra ha spiegato che di aver pensato a una personalità della società civile.

Ma sembra che neppure questa ipotesi sia stata accettata.

Michelini, nei giorni scorsi, ha parlato di una giunta a otto, che però costerà come se fosse composta da sei assessori. In squadra è comunque certa una nutrita presenza femminile.

Anche sulla giunta che superi gli otto componenti, Serra ha a più riprese mostrato la sua contrarietà. Anche perché sia lui che il candidato sindaco avevano garantito in campagna elettorale che si sarebbe andati a una giunta a sei.

Secondo le indiscrezioni questi sarebbero stati i nomi degli assessori che il sindaco aveva in tasca: Alvaro Ricci, Luisa Ciambella, Francesco Serra e Fabrizio Fersini per il Pd; Raffaela Saraconi e Alessandra Zucchi per Oltre le mura;  Maria Rita De Alexandris (Viva Viterbo); Raffaella Valeri area Sel.

Ora, con il rifiuto di Serra, si potrebbe andare a una giunta a sette se non verrà accettato un renziano.

L’ultima parola spetta comunque al sindaco che oggi scioglierà tutti i dubbi.

Ieri sera nel corso della riunione della segreteria del Pd, Michelini avrebbe semplicemente definito i criteri di scelta degli assessori.

Se Michelini non riuscisse a ricucire con Serra, il dato politico sarebbe a dir poco grave. Con una partenza della nuova amministrazione non proprio brillante. Come dire che in giunta vanno bene gli ex sindaci del Pdl, ma non gli uomini del Pd. Anche se hanno preso una valanga di voti, prima alle primarie e poi alle elezioni.

In tempi in cui tutti sbavano per fare gli assessori e il manuale Cencelli è tornato in auge, vedere qualcuno che non accetta di fare l’assessore appare alquanto strano. E appare ancora più strano se lo stesso personaggio, in puro stile renziano, aveva accettato di candidarsi alle amministrative per mantenere la parola data durante le primarie e per tirare la volata al suo avversario di allora Michelini. Insomma, qualcosa di nuovo accade anche nella politica viterbese.

Una presa di distanze dei renziani di Serra dalla giunta che sta per nascere sicuramente non è un buon viatico. Ma ancora tutto è da decidere. E tutto può ancora accadere.

 


Condividi la notizia:
14 giugno, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR