--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Patrizio Fimiani, allenatore dei portieri gialloblù, pensa al futuro della squadra e intanto invita i bambini che amano il pallone a una stage estivo

“Il calcio a Viterbo non può morire così”

di Francesca Buzzi

Condividi la notizia:

Patrizio Fimiani e Massimiliano Farris

Patrizio Fimiani e Massimiliano Farris

– “Il calcio a Viterbo non può morire”.

Patrizio Fimiani, allenatore dei portieri della Viterbese, vuole che la favola continui e spera in un futuro più roseo per la squadra gialloblù che ora, sebbene abbia chiuso la stagione con ottimi risultati, si ritrova nel buio più totale in vista di settembre.

Le speranze che qualcuno rilevi la società, ora totalmente in frantumi, sono pochissime. All’orizzonte si vede sempre il solito Deodati, ma le garanzie messe sul piatto sono pochissime.

“Come hanno detto già tutti diverse volte – commenta Fimiani – è un cane che si morde la coda. Perché Deodati dice di prendere la società solo se andiamo in Lega Pro, ma senza i suoi soldi la Lega Pro non la potremmo mai affrontare. Per il resto posso dire che fino alla fine del campionato ci è stato molto vicino, anche se sembra un po’ più distante negli ultimi giorni. Staremo a vedere…”

Tutto tace da ogni altro fronte. “Le tante voci che si rincorrono – continua Fimiani – sono davvero solo voci. Non ho notizie né di un interessamento di Moneti né dell’eventuale accordo con la Flaminia per “fondere” le due squadre della Tuscia. Deodati è l’unica strada con una certa concretezza”.

Un peccato, soprattutto quest’anno che i risultati sul campo si sono visti e che è tornato un ottimo rapporto con i tifosi e la città. “Questo gruppo si merita molto – aggiunge -. Tutti hanno dato il massimo fino a raggiungere una preparazione tecnica forse mai vista negli ultimi tempi. Sarebbe davvero il momento di continuare a crescere, ma senza società è ovvio che non si può fare”.

Tra i tanti, e forse più di tutti, chi ha fatto davvero un ottimo lavoro è senza dubbio mister Massimiliano Farris. “E’ un allenatore e un uomo straordinario – prosegue Farris -. Una persona che vale molto e che potrebbe far bene in qualsiasi categoria. Per noi sarebbe un regalo averlo ancora nel gruppo, ma capisco che per lui sarebbe anche giusto spiccare il volo. So che ha già avuto diversi contatti di squadre che lo corteggiano e lo vorrebbero con sé. Beh io posso solo dire che mi stupirebbe il contrario”.

Anche Patrizio Fimiani in quanto a riconoscimenti e a grandi passi in carriera non resta a guardare. Lunedì lo attende una settimana a Coverciano per un corso specializzato rivolto agli allenatori dei portieri al quale è riuscito ad approdare dopo una serie di concorsi e selezioni. Saranno soltanto quaranta gli allenatori che vi parteciperanno da tutta Italia e Fimiani sarà tra loro. Una full immersion di teoria e pratica che si concluderà con un punteggio per ognuno degli allenatori.

Ma intanto, sia Fimiani che Farris, non pensano soltanto al loro di futuro. Nei loro progetti c’è anche il domani del calcio viterbese, partendo dai più piccoli. Per questo stanno preparando uno stage estivo per i bambini che amano il calcio che si terrà tutte le mattine dal 17 giugno al 5 luglio dalle 8,30 alle 13. Sarà una splendida occasione di stare insieme, conoscere coetanei e prendere confidenza con il gioco del calcio, ma non solo. Tra le attività non mancherà anche tantissimo divertimento all’aperto e in piscina. Le iscrizioni saranno aperte fino al 10 giugno e per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il 347/1092070.

Francesca Buzzi


Condividi la notizia:
1 giugno, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR