Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Barelli alla Cultura: il sindaco Michelini prova a smorzare le polemiche - Forse in serata i decreti di nomina della giunta - Cambiano le deleghe: a Zucchi gli affari generali e a Fersini i servizi sociali

“Le deleghe si danno e si tolgono”

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Giacomo Barelli

Giacomo Barelli

– “Io guardo avanti e se dovessi pensare a quello che Giacomo Barelli, Filippo Rossi o Viva Viterbo, ma pure qualcuno del Pd hanno detto di me in campagna elettorale, di Barelli nemmeno ne avrei dovuto parlare”.

Sul quasi nominato assessore alla Cultura (nel senso che manca ancora la firma) e le polemiche scatenate sul suo nome, torna il sindaco Michelini.

A margine della conferenza stampa dell’Arci, approfitta per chiarire: “La mia – dice Michelini – è una scommessa, quella di essere neutrale. La cultura in questo Comune non sarà mai di parte”.

A Barelli piovono critiche al sapor di Caffeina. Troppo vicino alla creatura di Filippo Rossi. “Ma io ci metto la faccia – continua Michelini – e le deleghe si danno e si tolgono. Se volete un attestato da Barelli su quanto dico io, lo chiamiamo.

Se ha fatto qualcosa in ambito culturale, è positivo, vorrà dire che qualcosa conosce. Ma la cultura è neutrale. Rinnoviamoci, eliminiamo certe sovrastrutture.

Viterbo ha bisogno di svegliarsi e aprirsi, includere, e non chiudersi dentro le mura. Questo è il senso del mio mandato. A prescindere dai nomi, i voti si danno in corso d’opera e non prima”.

Una regola che il neo sindaco sembra essersi dato. “Se avessi dovuto dare io voti alle critiche che mi sono state rivolte già dalle primarie – ricorda Michelini – avrei dovuto restringere pure la rosa degli assessori.

Io ritengo invece che per giudicare bisogna aspettare i risultati. Finché sarò sindaco, mi faccio garante che ci sia apertura culturale a tutte le forme e al rispetto dei diritti degli altri. Quindi dico no a preclusioni su un nome che può piacere o meno, ma aspettiamo le sue azioni.

Poi, ovvio, fermo restando la libertà di critica. Io dico che occorre vedere i risultati, marcia indietro si può sempre fare”.

E’ un lunedì particolarmente intenso quello del sindaco Michelini. Tra una riunione e l’altra ci sono da predisporre i decreti di nomina per i suoi assessori. Ci si dovrebbe arrivare entro la serata.

Tutto sembra ormai deciso, ma anche la forma e le pratiche hanno i loro tempi.

Confermata la modifica all’assetto delle deleghe rispetto a quelle annunciate in un primo momento: a Fabrizio Fersini andranno i Servizi Sociali, in un primo momento destinati ad Alessandra Zucchi.

“Ci siamo parlati – ricorda Michelini – lei è nuova all’esperienza amministrativa, quindi le andranno incarichi più consoni a quelle che sono le sue competenze”. Alessandra Zucchi è avvocato e quindi si occuperà tra l’altro di Affari Generali e contenzioso. Rimane al momento al sindaco la delega allo Sport, così come la squadra sarà varata a sette.

Giuseppe Ferlicca 


Condividi la notizia:
17 giugno, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR