--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Sabato sera si parlerà della contessa Matilde di Canossa

Marta, continuano gli appuntamenti con la storia

Condividi la notizia:

Montefiascone

Montefiascone

– Ritorna sabato 29 giugno , nell’ex salone delle Acli, alle 17,30, l’appuntamento con la grande storia che, dopo il successo della precedente, si ripropone con la conferenza su Matilde di Canossa, la Gran Contessa, una vita per la chiesa, promossa dall’associazione culturale “la Rosta” di Marta, con il patrocinio del Comune di Marta e la Biblioteca Comunale.

Relatore, sarà il professor Giovanni Izzo conoscitore della storia antica e contemporanea, il quale sabato scorso, ha incantato la platea, su particolari anche inediti sulla vita e le due rinunce di Celestino V e Benedetto XVI, un argomento , trattato con grande entusiasmo e professionalità dal relatore, a cui hanno seguito vari interventi da parte di Irene Fedeli bibliotecaria del Comune di Marta, della professoressa Felicita Di Biagio, del parroco Don Roberto ed altre persone presenti in Sala.

Si è parlato durante l’argomento relativo ai due papi rinunciatari delle cause che hanno indotto i pontefici alle loro dimissioni, uno in particolare che li ha legati entrambi, quello relativo ai problemi di salute seppur in epoche diverse e con situazioni particolari viste in un contesto storico medioevale di cui il professor Giovanni Izzo è grande esperto in materia.

Non sono mancate nel precedente appuntamento di sabato scorso i riferimenti al nostro territorio e soprattutto all’isola Martana, infatti si suppone che nelle prigioni della nostra Isola, sia stato imprigionato e morì, il frate Angelo Da Caramanico colui che favorì la fuga di Papa Celestino V.

Sabato 29 giugno, si parlerà della figura della contessa Matilde di Canossa La Gran Contessa, Marchesa e regina Medievale. La stessa fu una potente feudataria ed ardente sostenitrice del Papato nella lotta per le investiture. Donna di assoluto primo piano per quanto all’epoca el donne fossero considerate di rango inferiore, arrivò a dominare tutti i territori a nord degli Stati della Chiesa.

Vissuta in un periodo di continue battaglie , di intrighi di scomuniche, seppe dimostrare una forza straordinaria, sopportando anche grandi dolori e umiliazioni, mostrando un’innata attitudine al comando, La sua fede nella Chiesa del suo tempo le valse l’ammirazione ed il profondo amore di tutti i suoi sudditi.


Condividi la notizia:
27 giugno, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR