Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Morso un ispettore - Tre feriti - Moretti (Ugl): "Ennesimo caso di violenza in carcere"

Si ferisce in bocca con le lamette e sputa agli agenti

Condividi la notizia:

Il carcere di Viterbo a Mammagialla

Il carcere di Viterbo a Mammagialla

– “Ieri sera, presso l’istituto penitenziario di Viterbo, un detenuto in terapia farmacologica, si è barricato in cella ferendosi sul corpo e nella bocca con delle lamette e cominciando a sputare verso gli agenti che stavano intervenendo per farlo desistere e che sono rimasti feriti. Dopo essere stato trasportato in infermeria, il detenuto ha aggredito un altro assistente capo mordendolo sul braccio”.

Lo rende noto il segretario nazionale dell’Ugl polizia penitenziaria Giuseppe Moretti, spiegando che “a farne le spese sono stati un ispettore e due assistenti capo che sono stati accompagnati in ospedale per accertamenti. Secondo quanto riferito la direzione, pur essendo a conoscenza che il detenuto fosse in possesso di lamette, non ha autorizzato il ricorso ai mezzi di coercizione fisica, facendo intervenire il personale senza l’ausilio di camici, guanti antitaglio, mascherine e occhiali protettivi perché non erano immediatamente reperibili”.

“Questo è l’ennesimo caso di violenza avvenuto negli istituti penitenziari del Lazio dove – spiega il sindacalista -, in poco meno della settimana, sette agenti di polizia penitenziaria hanno subito aggressioni da parte della popolazione detenuta”.

“Si tratta di una situazione che ormai, a causa anche della grave carenza di organico, rischia di esplodere. Ecco perché chiediamo al governo di intervenire rapidamente affinché il personale sia messo nelle condizioni di poter operare in sicurezza, a partire dall’applicazione dell’articolo 14 bis sulla sorveglianza particolare che, ad oggi, non viene correttamente attuata”.

“Esprimendo vicinanza agli agenti rimasti vittime di questa aggressione – conclude -, auspichiamo che il provveditorato del Lazio dia avvio a un’inchiesta che possa accertare le responsabilità di quanto accaduto”.

 


Condividi la notizia:
9 luglio, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR