--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il presidente della provincia Meroi replica al vice presidente del Sicet: "Rivolga ad altri le sue lamentele"

“Magra figura di Rinaldi: la competenza è della Regione”

Condividi la notizia:

L'ufficio turistico a Porta romana

L’ufficio turistico a Porta romana 

Riceviamo e pubblichiamo – “Parlare senza sapere di cosa si sta parlando rischia di far fare magre figure a chi dovrebbe invece informarsi prima di gettare accuse”.

Il presidente della provincia di Viterbo, Marcello Meroi, risponde al vice commissario del Sicet, Rodolfo Rinaldi, in merito allo stato dell’ufficio turistico della stazione di Porta Romana, chiuso da tempo e ridotto in pessime condizioni.

“La competenza su quel punto di informazione turistica è della Regione Lazio – continua Meroi -, che dovrebbe gestirlo attraverso l’Apt.

Ricordo a Rinaldi, il quale dovrebbe saperlo già, ma che invece evidentemente lo ignora, che le Aziende di promozione turistica sono tornate di diretta competenza regionale dal primo gennaio 2012, data in cui è cessato anche il mio incarico di commissario straordinario dell’Apt stessa.

Rivolga, perciò, ogni sua lamentela in direzione dell’Agenzia regionale per il turismo, che ha sede a Roma, o agli uffici regionali dell’APT a piazza della Rocca a Viterbo. Per le sue invettive ha completamente sbagliato destinatario, per la prossima volta gli consiglio di aggiustare meglio la mira”.

“Rodolfo Rinaldi fa anche riferimento alla soppressione delle Province – aggiunge Meroi -, situazione di cui, secondo lui, io andrei lamentandomi senza motivo.

La ragione per cui da mesi, sia in veste di rappresentante delle istituzioni sia come semplice cittadino, sto mostrando ferma contrarietà a questa ipotesi riguarda proprio il rischio di diminuzione delle prestazioni alla popolazione che si correrebbero eliminando questi Enti: l’ufficio turistico della stazione di Porta Romana, nato anni fa da un accordo poi non più rinnovato tra Ferrovie dello Stato e Apt, è un esempio chiaro della fine che faranno i servizi sul territorio qualora questi dovessero passare alle Regioni a seguito della cancellazione delle amministrazioni provinciali.

Se anche a Rinaldi questa prospettiva non piace, si informi meglio e vada a chiedere il conto a chi di dovere”.

Marcello Meroi presidente della provincia


Condividi la notizia:
5 agosto, 2013

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR