--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sutri - Carabinieri - Un elenco di file in attesa nel pc dell'arrestato, oltre alle 25mila foto e ai 9mila video

Altri 14mila file pedoporno pronti da scaricare

Condividi la notizia:

Rolando Fornaciari

Rolando Fornaciari

Carabinieri

Un elenco di 14mila file pronti da scaricare. 

Sarebbero stati trovati nel computer di Rolando Fornaciari. L’imprenditore 35enne di Sutri è stato arrestato lunedì scorso per detenzione di droga e materiale pedopornografico.

Secondo le indagini dei carabinieri di Sutri e Caprarola, nel suo pc portatile c’erano quasi 50mila file, tra scaricati e in lista. Fornaciari teneva in un’apposita cartella 25mila foto e 9mila video di bambine nude, ritratte in rapporti sessuali con adulti. Delle altre 14mila immagini, alcune sarebbero state in attesa, altre già parzialmente scaricate. 

Una mole sterminata di scatti e filmini agghiaccianti, che Fornaciari avrebbe visualizzato su un monitor da 46 pollici, collegato al computer. Le protagoniste erano bambine dai 2 ai 15 anni di età. In ogni caso minorenni.

L’indagine sul 35enne, incensurato, militante del Movimento Cinque Stelle, sposato e padre di due figlie, inizia nel 2011. Sono i genitori di due bambine di 9 anni a sporgere denuncia. La prima è contro ignoti, ma dopo un anno l’imprenditore viene rintracciato. Tentata violenza sessuale e atti osceni in luogo pubblico i reati ipotizzati a suo carico. Le ragazzine raccontano di esserselo visto presentare davanti con i pantaloni e gli slip calati.

La denuncia scatta nel giugno 2013. Dalla procura, il maresciallo capo di Sutri Dario Calabro ottiene l’ok alla perquisizione in casa, eseguita la settimana scorsa. Oltre a setacciare file per file, i militari trovano anche un armadio-serra per coltivare marijuana. E’ nello scantinato di casa. Dentro ci sono tre piante di cannabis indica, 78 grammi e mezzo di hashish, 9 di marijuana, un bilancino di precisione e materiale per coltivare e confezionare la droga.

Le indagini sono ancora in corso. I carabinieri hanno sequestrato sia lo stupefacente che il computer che, con tutta probabilità, dovrà essere esaminato da un consulente per risalire alla fonte di provenienza del materiale.

A Sutri, intanto, non si parla d’altro. E’ qui che Fornaciari, da sempre, vive e lavora. La notizia dell’arresto per quella mole sterminata di immagini pedopornografiche ha scosso profondamente un paese di 6mila abitanti, del tutto nuovo a episodi così gravi.

Va comunque chiarito che l’indagine è in pieno svolgimento. Fornaciari, dunque, è agli arresti e sotto inchiesta, ma finché non sarà condannato in via definitiva, resta innocente.


Condividi la notizia:
17 settembre, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR