Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Scuola Gianni Rodari, Fratelli d'Italia accusa il sindaco

“Da anni i genitori segnalano crepe sui muri”

Condividi la notizia:

La scuola elementare “Gianni Rodari”

La scuola elementare “Gianni Rodari”

Riceviamo e pubblichiamo – Nonostante il sindaco Angelelli, ormai famoso per le sue finte “belle notizie” su Facebook, abbia cercato in tutti i modi di rimandare a data incerta la riapertura del portone d’ingresso della scuola primaria Gianni Rodari, il 13 settembre ha dovuto calare il sipario e rimettersi alla dolorosa verità: la scuola rischia cedimenti strutturali e sarà chiusa per l’anno scolastico 2013/2014.

Durante la riunione di ieri, nonostante l’ausilio dell’assessore Cerri e di altri politicanti di maggioranza, il primo cittadino non è riuscito a far capire ai genitori presenti quanto grave sia realmente il problema, forse perché le bugie, alla fine, hanno le gambe troppo corte.

Sarebbe stato opportuno che l’amministrazione comunale avesse già provveduto a mettere al corrente gli organi regionali preposti della situazione venutasi a creare alla scuola Gianni Rodari, al fine di poter ottenere finanziamenti pubblici atti a predisporre idonei studi  geomorfologici e quant’altro occorra per definire le opere necessarie.

Oppure così facendo sarebbe emersa la verità? Noi eravamo presenti, e oltre alla solita arroganza, il sindaco ha mostrato la sua totale ignoranza in merito ai problemi strutturali della scuola. A ogni cittadino che cercasse delle spiegazioni, il signor Angelelli rispondeva infatti che tali domande non erano pertinenti, vantandosi di fantasmagorici e inesistenti meriti.

Sono due anni che i genitori dei piccoli studenti segnalano la presenza di crepe sui muri e di acqua all’interno dell’edificio, ma niente, nessun provvedimento in merito. Come ciliegina sulla torta, il sindaco e il suo entourage hanno deciso di far apporre sulla copertura dell’immobile dei pannelli fotovoltaici ad appesantire la struttura. Soldi sprecati, come di consueto.

Sarebbe bastata un po’ di trasparenza amministrativa a tempo debito per dar modo ai genitori di scegliere in quale istituto iscrivere i propri figli, ma, in vista delle elezioni, rischiare di perdere così tanti voti sarebbe stato un suicidio politico.

I bambini verranno in futuro trasferiti in parte negli uffici dell’ex tribunale e in parte in altri istituti scolastici. Ma sono a norma per una scuola primaria i locali di un ex tribunale? I bambini rischiano ancora? Chiediamo al sindaco di smettere con le bugie, di risponderci in maniera trasparente e veritiera, perché la sicurezza di un piccolo studente supera di gran lunga ogni arrivismo politico.

Sicuramente, sarebbe stato meglio salvaguardare l’incolumità dei bambini risolvendo il problema al momento opportuno, piuttosto che bruciare milioni di euro in acquisti di farmacie, parcheggi inutilizzati e rotatorie. La giunta Angelelli non si smentisce mai, preferisce fare figure di fango piuttosto che ammettere i propri demeriti. 

Troppo facile chiedere oggi la collaborazione della cittadinanza. Bisogna iniziare anche a pensare al vero bene di questa cittadina che, sotto la guida Angelelli & Co., si avvia sempre di più verso un inesorabile declino.

Fratelli d’Italia Civita Castellana


Condividi la notizia:
14 settembre, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR