Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Collaborerà alla gestione del servizio pubblico di emergenza sanitaria ma anche di tutela e di controllo dell’ambiente

I cavalieri del soccorso aderiscono a “In cammino sulle vie dell’esilio di S. Rosa”

Condividi la notizia:

I cavalieri del soccorso - Città di Viterbo

I cavalieri del soccorso – Città di Viterbo

I cavalieri del soccorso - Città di Viterbo

– Anche i Cavalieri del soccorso – città di Viterbo aderiscono all’iniziativa “In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa”. Un itinerario naturalistico religioso di rara bellezza tra boschi, sorgenti e castelli medioevali.

Una manifestazione che ha lo scopo di rievocare l’esilio di Santa Rosa iniziato, secondo le fonti storiche più autorevoli – descritto anche sulla Vita I -, il 4 dicembre 1250 e conclusosi nei primi giorni del gennaio successivo.

L’adesione dei Cavalieri del soccorso della Città di Viterbo, associazione di volontariato presieduta da Enrico Corsini che ha come primo scopo quello di collaborare all’organizzazione ed alla gestione del servizio pubblico di emergenza sanitaria ma anche di tutela e di controllo dell’ambiente, si aggiunge all’adesione di altre importanti associazioni di volontariato locali come, tra le altre, la proloco di Viterbo, l’associazione Viterbo civica, l’Associazione culturale Armidoro.

Un cammino attraverso i Monti Cimini nel ricordo di Santa Rosa, costeggiando la Palanzana, Montalto e Monte San Valentino, condividendo con i compagni di viaggio gioie e fatiche.

“Sono sempre molti sono i partecipanti – afferma padre Agostino Mallucci ofm parroco nella basilica di San Francesco a Viterbo – anche dal di fuori della città di Viterbo, che l’apprezzano e la vivono. I motivi sono tanti e profondi. La riscoperta dell’amicizia, il percepire e gustare la freschezza e lo splendore della natura, il camminare insieme sul ciottolato di strade campestri, nel richiamo di storie millenarie, la bellezza di uno stile di vita comune con altri sconosciuti che è capacità di dare e di darsi agli altri senza interesse, lo svelare tra sudore e fatica i segreti familiari e del proprio intimo, il recuperare il senso dell’autentica fratellanza con tutti, il sentirsi sostenuti dal gruppo nella stanchezza, il godere di un tramonto o il canto spensierato di un usignolo, il diventare delicato custode dell’altro nella crisi della fatica per la salita impervia oppure nel recupero delle energie”.

L’appuntamento, per coloro che vorranno partecipare, è per domenica 8 settembre alle ore 8 in piazza san Francesco a Viterbo.


Condividi la notizia:
6 settembre, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR