__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Processo Cev - Il racconto di Giorgio Falcioni, dirigente "parcheggiato" insieme a quattro colleghi in un ufficio decentrato

“Trasferiti perché davamo fastidio”

di Stefania Moretti

L'ex sindaco Giancarlo Gabbianelli, imputato,  con il suo avvocato Massimo Rao Camemi

L’ex sindaco Giancarlo Gabbianelli, imputato, con il suo avvocato Massimo Rao Camemi

Il city manager Armando Balducci, imputato, con i suoi avvocati Elisabetta Rampelli e Cosimo Alfonso Mastromarino

Il city manager Armando Balducci, imputato, con i suoi avvocati Elisabetta Rampelli e Cosimo Alfonso Mastromarino

Daniele Cortese, imputato al processo, accanto al suo avvocato Giovanni Labate

Daniele Cortese, imputato al processo, accanto al suo avvocato Giovanni Labate

Avvocati in aula per il processo Cev

Avvocati in aula per il processo Cev

Un ufficio di 15 metri quadri da dividere in tre. C’era appena lo spazio per le scrivanie nei locali di via Fontanella Sant’Angelo.

E’ qui che, nel 2003, furono trasferiti quattro dirigenti del Comune di Viterbo. “Parcheggiati”, come racconta al processo Cev (fotocronaca) uno di loro: è Giorgio Falcioni, passato dal banco degli imputati – era accusato di un abuso d’ufficio, oggi prescritto –  a quello dei testimoni.

Assunto nel ’73 come caposervizio, Falcioni ha lavorato fino al 2011 al settore comunale Lavori pubblici. Ma ai giudici del processo Cev racconta che, per lui e per qualcun altro, l’aria a Palazzo dei Priori si era fatta irrespirabile dai primi anni Duemila. “Non ho avuto vita facile – dice -. Nel 2003 ho ricevuto un ordine di servizio con il quale sono stato destinato alla mia nuova, fantomatica attività di consulenza, studio e alta specializzazione. Eravamo in quattro”. Ne parlano in due, in aula, insieme a Falcioni. L’altro testimone, ingegner Mario De Cesare definisce quel settore di competenze “una scatola vuota”. Luciano Morelli è ancora più esplicito: “Giocavo col computer, leggevo il giornale e facevo le parole crociate”. In pratica, tutto tranne che lavorare.

“L’attività era nulla in quell’ufficio – continua Falcioni -. Da come ne parlavano, quella struttura doveva essere la punta di diamante dell’amministrazione. In realtà, non c’era lavoro. Siamo stati demanzionati e parcheggiati. Messi da parte perché davamo fastidio, almeno questa è la mia opinione…”. Una causa di lavoro e sei mesi più tardi, Falcioni fu reintegrato ai Lavori pubblici. Per l’ingegnere, il motivo di quell’esilio forzato stava nelle vecchie ruggini con l’allora direttore del Comune di Viterbo Armando Balducci, tra i 17 imputati per associazione a delinquere. Tra Falcioni e Balducci fu scontro frontale sui lavori di costruzione del tribunale. Il city manager voleva modificare il progetto, ma la sua perizia di variante, secondo l’ingegnere, violava alcune normative.

“Gabbianelli ci convocò – prosegue Falcioni -. Mi disse che la perizia di Balducci andava bene. Quindi o la accettavo o avrebbe preso i provvedimenti del caso. Fui rimosso dall’incarico di responsabile del procedimento. Al mio posto, subentrò un’altra persona. A quel punto, la perizia non ha avuto problemi”.

Sono le ultime due testimoni, ex dipendenti del Cev, a riportare l’attenzione sul cuore del processo: i servizi che il Comune delegava alla partecipata multiservizi e quest’ultima “rimbalzava” agli imprenditori del consorzio, socio del Cev. Un esempio? Il verde pubblico, affidato direttamente a Daniel Plant’s. L’azienda emetteva fatture al Cev e e il Cev al Comune. Ma faceva anche lavori extracontrattuali. La crisi nera comincia nel 2006, quando il Cev accende un mutuo di un milione di euro per pagare i suoi dipendenti. La società non fattura e va in perdita. Per “tappare i buchi”, come spiega un’ex dipendente, servì un aumento di capitale.

Proprio quegli affidamenti diretti alle imprese socie, setacciati dai pm Paola Conti e Franco Pacifici, sono all’origine del maxi processo a 26 imputati, tra imprenditori, dirigenti e amministratori dell’era Gabbianelli.

Un sistema che, per l’accusa, serviva a distribuire servizi come il verde e l’illuminazione agli “amici” imprenditori, soci del Cev. Ma in quella prassi le difese non vedono nulla di anomalo. Tanto che uno dei testimoni ricorda come la stessa Cofathec, socio del Cev, fosse stata incaricata in passato del riscaldamento degli uffici comunali.

Dei dieci testimoni citati per oggi, hanno parlato in sei. Gli altri quattro, sempre tutti dell’accusa, torneranno in aula a gennaio. Tra questi, anche Claudio Londero, parte lesa contro uno degli imputati, che lo avrebbe costretto a emettere una fattura per una prestazione inesistente.

Stefania Moretti

27 settembre, 2013

Cev ... Gli articoli

  1. "Cantiere per la piscina, mai visti contrasti tra Londero e Ciucciarelli"
  2. "Il presidente Moretti non si è mai interessato all'appalto"
  3. Crack Cev, corsa contro il tempo per la sentenza
  4. "No all'affidamento di lavori ai soci privati senza gara"
  5. Processo Cev, alla sbarra restano in sette
  6. No alla sentenza subito per Gabbianelli
  7. Processo Cev, per Gabbianelli sarà sentenza subito?
  8. Gabbianelli: "No alla prescrizione, si vada a sentenza"
  9. Processo Cev, parola ai testimoni delle difese
  10. Trenta accuse prescritte, quel che resta del Cev
  11. Processo Cev, battaglia sui testimoni
  12. Soldi "per mandare in vacanza i politici", Ciucciarelli si difende
  13. "Nessuna cena con i politici di An"
  14. Processo Cev, tocca alle difese
  15. Cev, il comune batte cassa ma gli imputati fanno ricorso
  16. Gabbianelli si difende per più di quattro ore
  17. Fatture false al Cev, prosciolti in quattro
  18. "Costretto ad andare a cena coi politici di An"
  19. "Duemila euro per mandare in vacanza i politici"
  20. Balducci non aveva precisi obblighi di controllo
  21. "Una sentenza che mi ha restituito il sorriso"
  22. Cev, assolto Armando Balducci
  23. "C'abbiamo in azione il macchinario che fa i coriandoli..."
  24. Crack Cev, parlano i dirigenti comunali
  25. Un buco tra i due e i tre milioni di euro sulle spalle del Comune
  26. "Lavoravamo per la città"
  27. C'era una volta il crack Cev...
  28. Processo Cev, via all'ascolto dei testimoni
  29. Gabbianelli: "Rinuncio alla prescrizione per tutti i reati"
  30. Fuori dal processo: Rotelli, Arena, Muroni, Fracassini, Tofani e Zucchi
  31. Scandalo Cev, centinaia di testimoni
  32. Processo Cev, slitta l'udienza
  33. Cev e Comune parti civili
  34. Muroni e Zucchi non fanno un passo indietro
  35. Scandalo Cev, parte il processo
  36. Cev, il Comune si costituirà parte civile
  37. Muroni condannato a pagare 190mila euro
  38. Dimettersi? E perché mai...
  39. "Valuteremo se costituirci parte civile"
  40. Bartoletti: Il comune si costituisca parte civile
  41. Il comune si costituisca parte civile e gli assessori si dimettano
  42. Cev, in 34 a processo
  43. Solo fango, e ingiuste e preannunciate decisioni...
  44. Cev, Gabbianelli & Co. rinviati a giudizio
  45. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  46. Cev, parlano le difese
  47. Cev, salta l'udienza
  48. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  49. "E' tutto regolare"
  50. Inchiesta Cev, tocca alle difese
  51. Cev, chiesto il rinvio a giudizio per Gabbianelli e gli altri indagati
  52. Cev, una notifica fa saltare l'udienza
  53. Sentenza Cev, tutti pronti a fare ricorso
  54. Gabbianelli attacca magistratura e Finanza

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564