--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il ritratto di Gianlorenzo, arrestato ieri mattina, nelle carte dell'inchiesta

“Attività illecite a ritmo continuo e una marcata pericolosità sociale”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo in Procura

Paolo Gianlorenzo

Viterbo – (s.m.) – “Persona priva di remore nello svolgere le sue attività illecite a ritmo continuo”.

Così il gip Francesco Rigato descrive il giornalista Paolo Gianlorenzo. Gli agenti della sezione di polizia giudiziaria della stradale sono andati a prenderlo ieri mattina a casa: in mano, avevano un ordine di cattura firmato dal gip e richiesto dal pm Massimiliano Siddi.

Estorsione. Ma anche violenza privata. Minacce. Calunnia.

Tutto scritto nelle 38 pagine di ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata da Rigato che almeno una volta aveva respinto la richiesta d’arresto. Due mesi e mezzo fa, infatti, era diverso: a parte l’episodio Berlusconi, raccontato dal coindagato Samuele De Santis (ex avvocato di Gianlorenzo), nessun reato nuovo era contestato al giornalista, che per le presunte estorsioni in concorso col suo ex difensore restava a piede libero.

Oggi, invece, il quadro probatorio si è arricchito di fatti nuovi, come la denuncia della moglie di Francesco Battistoni, ex capogruppo regionale Pdl e bersaglio numero uno dei violenti attacchi stampa di Gianlorenzo.

In due inchieste su tre che vedono coinvolto il giornalista, Battistoni è parte offesa. In questo caso, invece, sarebbe stata la moglie a subire le provocazioni di Gianlorenzo. Proprio per evitarle al marito, andava lei ad accompagnare il figlio alla scuola Vanni. La stessa frequentata dai figli del giornalista che, quando incontrava la signora, le bloccava il passaggio, piazzandosi in cima alla scalinata d’uscita e fissandola con aria di sfida. Fino alle minacce esplicite come la frase “Vedrai che ti succede…”. “Emerge in modo chiaro – scrive il gip – che la persona offesa nell’esporre i fatti non è stata mossa da sentimenti di rivalsa o di astio nei confronti di Gianlorenzo, ma piuttosto dalla paura”.

Del resto, nell’ordinanza si parla di un “clima di intimidazione” creato anche attraverso gli articoli che avrebbe scritto sul suo sito. 

Quello che per l’avvocato del giornalista, Carlo Taormina, è un “fatterello da quattro soldi”, è valutato dal giudice come “un episodio inquietante”. E non è l’unico. Della presunta calunnia agli agenti della stradale, accusati da Gianlorenzo di aver manomesso il suo fascicolo, il gip scrive che “denota una spiccata spregiudicatezza dell’indagato, che non tralascia nulla pur di costruirsi una strada che possa in seguito garantirgli l’impunità, anche grazie al discredito che cerca di gettare sul prossimo e, in particolare, su appartenenti delle forze dell’ordine”.

Gli si riconosce “un’indubbia proclività a delinquere”, “modalità di agire spregiudicate” e “una marcata pericolosità sociale”. “Gianlorenzo è persona dedita alle condotte estorsive”, conclude il gip. Lo dimostrerebbe anche l’intercettazione con un collega della redazione, cui chiede se conosce “un imprenditore che gli potemo leva’ un po’ de soldi”. Fatti che, a detta del giudice, rendono il carcere “l’unica misura” possibile per Gianlorenzo.

Ieri pomeriggio, il suo avvocato Franco Taurchini è andato a trovarlo a Mammagialla dove divide la cella con un altro detenuto. “Non riesce a credere a quello che è successo”, afferma il legale, in codifesa con Taormina. L’interrogatorio di garanzia è fissato per lunedì. L’avvocato preannuncia che il giornalista parlerà. 

I colleghi, intanto, portano avanti il sito web fino a ieri diretto da Gianlorenzo. In prima pagina, ieri sera, una sorta di editoriale in cui i redattori prendono le difese del direttore, vittima di una “giustizia in mano al potere”.


Condividi la notizia:
24 novembre, 2013

Estorsione in concorso - 2013 ... Gli articoli

  1. Estorsione, esclusa una parte di intercettazioni
  2. Estorsione, al via il processo a Gianlorenzo
  3. Estorsione, Gianlorenzo e De Santis rinviati a giudizio
  4. Estorsione, De Santis rinuncia all'udienza preliminare
  5. Estorsione, Gianlorenzo di nuovo in aula
  6. Il pm Natalini fuori dall'inchiesta
  7. Estorsione, chiusa l'inchiesta su Gianlorenzo e De Santis
  8. Gianlorenzo torna in libertà
  9. Giornalista ai domiciliari, Taormina: "Andiamo in Cassazione"
  10. Paolo Gianlorenzo rimane agli arresti domiciliari
  11. "Minacciare le persone non è nel mio stile"
  12. Giornalista arrestato, duro scontro tra accusa e difesa
  13. Giornalista arrestato, oggi l'udienza al Riesame
  14. "Nessun patteggiamento, avanti fino al processo"
  15. Ascoltato un collaboratore di Gianlorenzo
  16. Gianlorenzo arrestato, è l'ora del Riesame
  17. "Angoscia, ansia e pressioni continue"
  18. Un "meccanismo estorsivo" quasi perfetto
  19. Gianlorenzo, gli avvocati chiedono la revoca degli arresti domiciliari
  20. Il carcere fa bene a Gianlorenzo che dà "segni di ravvedimento"
  21. Paolo Gianlorenzo agli arresti domiciliari
  22. "Un mio rapporto sessuale su un dvd della Procura", ma non è vero
  23. "Non sono un mangiabambini, accompagno i malati a Lourdes..."
  24. Gianlorenzo fa atto di contrizione e contesta le accuse
  25. Gianlorenzo: Mai minacciato la moglie di Battistoni
  26. "Se lasciato libero e privo di contenimenti, può commettere altri reati"
  27. Gianlorenzo pronto a raccattare un lavoro da Berlusconi
  28. "Vedrai che ti succede..."
  29. Arrestato Paolo Gianlorenzo
  30. "Nessun patteggiamento, abbiamo sporto denuncia"
  31. No al dissequestro dei documenti di Gianlorenzo
  32. Gianlorenzo non risponde
  33. Interrogatorio per Gianlorenzo
  34. Estorsione, Gianlorenzo impugna il sequestro dei documenti
  35. Revocati i domiciliari a Samuele De Santis
  36. L'avvocato De Santis interrogato dal pm
  37. De Santis risponde per quattro ore punto su punto
  38. Estorsione, indagato anche Gianlorenzo
  39. Arrestato l'avvocato Samuele De Santis
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR