--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Duplice omicidio di madre e figlia - Gli avvocati di parte civile Sini e Polacchi soddisfatti della sentenza - Valentini, legale dell'elettricista: "La rispetto ma resto convinto dell'innocenza del mio assistito"

“Basta con i condizionali: Paolo ha ucciso Tatiana ed Elena”

di Francesca Buzzi

Condividi la notizia:

Paolo Esposito

Paolo Esposito

Ala Ceoban

Ala Ceoban

Gli avvocati di parte civile Claudia Polacchi e Luigi Sini

Gli avvocati di parte civile Claudia Polacchi e Luigi Sini 

Gli avvocati di Esposito Mario Rosati e Enrico Valentini

Gli avvocati di Esposito Mario Rosati e Enrico Valentini

L'avvocato Pierfrancesco Bruno

L’avvocato di Ala Ceoban Pierfrancesco Bruno

Gradoli – “Basta con i condizionali: Paolo ha ucciso Tatiana ed Elena”.

Con la sentenza della Corte di Cassazione arrivata nella tarda mattinata di ieri, intorno alle 12,45, cala il sipario sul giallo di Gradoli.

Una vicenda piena di sfaccettature che ha impegnato per più di quattro anni le aule di tribunale e le pagine dei giornali, sia locali che nazionali, partita dalla scomparsa il 30 maggio del 2009 di Tatiana Ceoban e della figlia 13enne Elena.

Dopo la prima sentenza della Corte d’Assise che condannò il 13 maggio 2011 i due cognati-amanti Paolo Esposito, marito di Tatiana, e sua sorella Ala al carcere a vita, ne arrivò una seconda, quella della Corte d’appello, che confermò l’ergastolo all’elettricista di Gradoli e abbassò a soli otto anni di reclusione la pena della giovane moldava.

Ieri, infine, la Cassazione ha rigettato la richiesta di annullamento della sentenza d’appello che era stata richiesta dagli avvocati di Esposito e anche quello della procura generale che contestava l’annullamento dell’aggravante della premeditazione, riconosciuta dalla Corte d’assise di primo grado.

Restano dunque l’ergastolo per Esposito e gli otto anni per Ala.

“E’ arrivato il momento – commentano gli avvocati di parte civile Luigi Sini e Claudia Polacchi – di smettere di usare i condizionali. Non ci sono più riserve né dubbi. Paolo Esposito ha ucciso sua moglie Tatiana e la figlia di lei, Elena”.

Una sentenza, quella della Cassazione, che ora è del tutto definitiva, essendo l’ultima del terzo grado di giudizio. La decisione non potrà essere impugnata in alcun modo.

Insomma, il destino di Paolo Esposito e di Ala Ceoban è ormai segnato: lui dovrà trascorrere il resto dei suoi giorni in carcere a Mammagialla, di cui sei mesi in isolamento; per lei basteranno invece otto anni, di cui quattro e mezzo già scontati, con la possibilità di alcune riduzioni per buona condotta.

“Rimarrà comunque sempre una bruttissima storia – continua l’avvocato Sini – ma da oggi in poi non ho più intenzione di tollerare alcun alone di dubbio su come sono andate le cose. La sentenza deve essere rispettata, se non altro per rispettare almeno il ricordo delle vittime, Tatiana ed Elena”.

Un rispetto nei confronti della sentenza della Cassazione, che non manca da parte dei legali di Paolo Esposito, Enrico Valentini e Mario Rosati, anche se, come è ovvio che sia, i commenti sono di tutt’altro tenore.

“Rispetto la decisione – dice l’avvocato Enrico Valentini – ma io resto della mia idea. Secondo me rimane un giallo che non si è risolto nella pratica, ma soltanto nel suo iter giudiziario. I corpi delle vittime non ci sono e, almeno per me, molte cose restano racchiuse in un enorme dubbio”.

Il primo pensiero per l’avvocato Valentini, all’uscita dal tribunale di Roma, è stato per Paolo Esposito. Subito dopo la sentenza, alla quale né lui né Ala Ceoban hanno assistito poiché gli imputati non sono mai presenti nelle udienze della Cassazione, i legali dell’elettricista di Gradoli lo hanno subito raggiunto in carcere per parlargli.

“Paolo – racconta ancora Valentini – è incredulo. Continua a chiedersi come è possibile che nessuno ha capito la sua innocenza. Lui ha sempre detto che non c’entra niente e che non ha mai ucciso nessuno. Ma ormai, a meno che non spuntino eclatanti novità che possano far riaprire le indagini, non ci sono più passi da fare né strade da prendere per evitargli l’ergastolo”.

Ciò che non convince l’avvocato Valentini è, in particolare, il fatto che confermando la sentenza d’appello, la Cassazione ha dato ragione ai giudici romani che ricostruirono l’omicidio come un delitto d’impeto e non come un assassinio premeditato.

“Se non è stato premeditato – conclude Valentini – non hanno più valore nemmeno tutte le testimonianze che parlavano di un odio covato da tempo o il diario in cui Tatiana si sfogava e diceva di avere paura o, ancora, gli sms sospetti che si sarebbero scambiati Paolo e Ala. Sinceramente mi sembra un po’ assurdo, allora, che Paolo per uno scatto d’ira abbia ucciso Elena e poi, chissà perché a questo punto, anche Tatiana”.

Quanto ad Ala Ceoban, la 28enne moldava ha di fronte a sé una libertà non troppo lontana. Dopo aver già trascorso quattro anni e mezzo nel carcere femminile di Civitavecchia, ora potrebbe contare su alcune riduzioni di pena e, molto probabilmente, su alcuni permessi di uscita o su un’alleggerimento della detenzione dal penitenziario ai domiciliari.

Soddisfatto, ma senza toni di vittoria, l’avvocato della ragazza Pierfrancesco Bruno.

“Ala aveva espressamente chiesto di non impugnare la sentenza di appello – spiega il legale – e quindi questa decisione va più che bene. Non mi sento, però, di aver vinto nulla. Intanto perché in una vicenda del genere non c’è nessuno che vince e nessuno che perde. E poi perché io rimango fermo su quanto continua a dire Ala, ovvero che lei non ha fatto proprio nulla”.

La Cassazione ora dovrà depositare le motivazioni della sentenza che ha pronunciato. Non ci sono termini perentori, ma il documento dovrebbe essere pronto orientativamente entro un paio di mesi.

Francesca Buzzi


Condividi la notizia:
27 novembre, 2013

Dossier Gradoli ... Gli articoli

  1. Tatiana ed Elena Ceoban svanite nel nulla da dieci anni
  2. Ospitalità e lavoro ad Ala Ceoban, tre indagati sono di Tarquinia
  3. Ala Ceoban, quattro denunce per favoreggiamento
  4. Rimpatriata Ala Ceoban, appello a Salvini per farla tornare in Italia
  5. Giallo di Gradoli, Ala Ceoban vuole la protezione internazionale
  6. Ala Ceoban potrebbe evitare l'espulsione...
  7. "Le dichiarazioni di Ala Ceoban riguardano il giallo di Gradoli"
  8. Ala Ceoban, oggi si decide se resta in Italia
  9. Ala Ceoban "parla" e il giudice congela l'espulsione
  10. "Perché tanti ostacoli? Io voglio restare in Italia"
  11. Era per tutti "Ala del pub"...
  12. Ala Ceoban tradita da un trasferimento di soldi
  13. Giallo di Gradoli, trovata Ala Ceoban
  14. "Ala Ceoban via dall'Italia, il crimine compiuto è stato efferato"
  15. "La procura chieda a Esposito le cose che non ha detto"
  16. "Non so cosa sia successo a Tatiana ed Elena, ma voglio sapere dove sono"
  17. "O è innocente o Totò Riina è un dilettante"
  18. Franca Leosini intervista Paolo Esposito a Storie maledette
  19. Ala Ceoban fa causa allo stato
  20. Giallo di Gradoli, morta Elena Nechifor
  21. Paolo Esposito: "Il lavoro mi ha salvato"
  22. Ala Ceoban fuori dal carcere
  23. La Cassazione: Colpevoli senza via d'uscita
  24. "Combatteremo perché Esposito veda sua figlia"
  25. Giallo di Gradoli, confermato l'ergastolo per Paolo Esposito
  26. Giallo di Gradoli, la sentenza slitta al 26 novembre
  27. Giallo di Gradoli, lunga attesa per la sentenza
  28. Giallo di Gradoli, è l'ora della Cassazione
  29. Paolo Esposito lotta per la figlia
  30. Ala Ceoban non lascia il carcere
  31. Ala Ceoban non è uscita dal carcere
  32. Ultimo mese di carcere per Ala Ceoban
  33. Accusati di aver plagiato un testimone, assolti gli Esposito
  34. "Non smettiamo di cercarle"
  35. "Fa' le cose per bene perché io ti ammazzo..."
  36. Giallo di Gradoli, fissata l'udienza in Cassazione
  37. "L'ennesima crudeltà contro Esposito"
  38. "Ala stanca e depressa"
  39. Ergastolo a Esposito, la difesa: sentenza da annullare
  40. La procura generale: Fu omicidio premeditato
  41. "Tatiana calunniata anche da morta"
  42. Processo agli Esposito, battaglia su un video
  43. E' il giorno dei genitori di Paolo Esposito
  44. La casa dei misteri tre anni dopo
  45. Dissequestrata la casa di Paolo Esposito
  46. Inizia il processo agli Esposito
  47. "La madre di Ala e Tatiana è sollevata"
  48. Ala: "Otto anni inaccettabili, sono innocente"
  49. "Paolo Esposito è distrutto"
  50. La Procura: "Accolto l'impianto accusatorio"
  51. Gradoli, confermato l'ergastolo per Esposito
  52. Gradoli, i giudici si ritirano per la decisione
  53. Gradoli, la difesa di Ala parla per sei ore
  54. Gradoli, la difesa: "Esposito va assolto"
  55. Gradoli, parti civili: "Sia confermata sentenza primo grado"
  56. Giallo di Gradoli, la parola agli avvocati
  57. Gradoli, chiesti di nuovo due ergastoli
  58. Giallo di Gradoli, parte il processo d'appello
  59. Un anno fa l'ergastolo a Esposito e Ala Ceoban
  60. Giallo di Gradoli, chieste quattro perizie
  61. Giallo di Gradoli, nuove richieste istruttorie della difesa
  62. "Il dolore è tanto e non passa mai..."
  63. Oggi Tatiana avrebbe compiuto 39 anni
  64. Gradoli, inizia il processo d'appello
  65. "Ma quale omicidio premeditato?"
  66. "In quella casa non c'è stato nessun omicidio"
  67. Gradoli, pronti i ricorsi in appello
  68. Chiusa l'inchiesta sugli Esposito
  69. Duplice omicidio, si cerca nel lago
  70. Incerta la dinamica del delitto
  71. Motivazioni, Valentini: "Gravi omissioni"
  72. Sgonfiato il mistero della cartellina gialla
  73. Sangue in cucina, la prova dell'omicidio
  74. Una storiaccia "triste, piena di odio e rancore"
  75. Gradoli, depositate le motivazioni della sentenza
  76. Il tempo non ci faccia dimenticare di Tatiana ed Elena
  77. Due anni fa sparivano Elena e Tatiana
  78. Io un po' di paura ce l'ho...
  79. Il dolore non è monopolio di Elena Nekifor
  80. Vi siete dimenticati di Elena e Tatiana
  81. Paolo, disperato e in lacrime ma combattivo
  82. Una sentenza dura come la pietra
  83. "Giustizia è fatta"
  84. "Abbiamo fatto il possibile e l'impossibile"
  85. Video - L'avvocato di Ala: Faremo appello
  86. Video - Mi aspettavo una assoluzione
  87. Video - Paolo e Ala increduli
  88. Video - Il dolore della madre di Ala e Tatiana
  89. Video - Gradoli - Ergastolo per Ala e Paolo
  90. Video - "Un'affermazione di verità e giustizia"
  91. Processo Gradoli, ergastolo per Paolo e Ala
  92. Fermento in aula per la sentenza
  93. Processo Gradoli, sentenza rinviata a domani
  94. Processo Gradoli, ore contate per la sentenza
  95. "Nessuna certezza che Ala sia colpevole"
  96. Riprende il processo Gradoli
  97. Un amore ossessivo, un odio cieco...
  98. Chiesto l'ergastolo per Paolo e Ala
  99. Video - Ala, in lacrime, racconta il carcere
  100. Video - Paolo: "Ho mentito per rivedere mia figlia"
  101. Spunta il "terzo amore" di Tatiana
  102. Il muro della cucina non ha subito alterazioni
  103. Sangue sul pick-up, nominati i periti
  104. Giallo di Gradoli, nuovi avvisi di garanzia
  105. Maria Esposito colta da malore
  106. Gradoli - Colpo di scena in aula
  107. Avviso di garanzia per i genitori di Esposito
  108. Tania aveva paura di essere avvelenata
  109. Il caso Gradoli sbarca a Mattino Cinque
  110. "Le tracce potrebbero essere state cancellate"
  111. Parte il processo Gradoli
  112. Paolo Esposito aveva una relazione con la sorella di Tatiana
  113. Mamma e figlia svanite nel nulla
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR