Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Giornalista in manette - L'avvocato De Santis racconta nelle carte il piano del giornalista per gettare fango sugli inquirenti e ottenere una ricompensa dall'ex premier

Gianlorenzo pronto a raccattare un lavoro da Berlusconi

Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo

Paolo Gianlorenzo

L'avvocato Samuele De Santis

L’avvocato Samuele De Santis

Viterbo – (s.m.) – Poteva arrivare fino a Berlusconi. O almeno così millantava.

La fantasia di Paolo Gianlorenzo andava forse al di là delle sue possibilità.

L’ordinanza che lo ha spedito in carcere mostra il ritratto di un uomo capace di far credere qualsiasi cosa. Persino di poter avere in pugno l’ex presidente del consiglio.

L’episodio è descritto in alcune delle 38 pagine dell’ordinanza del gip Rigato. Lo racconta Samuele De Santis, ex difensore di Gianlorenzo, indagato insieme a lui per estorsione nella stessa inchiesta.

Tra il giornalista e l’avvocato si ipotizza un sodalizio pensato per fare in modo che il primo procacciasse clienti al secondo. Un meccanismo di pressioni e intimidazioni che sembra ritorcersi contro lo stesso De Santis. Il 13 agosto l’avvocato va in procura a spiegare i risvolti inquietanti del suo rapporto con Gianlorenzo. Stando a quanto riportato dall’ordinanza, il giornalista “aveva preso a fare pressione su di lui (De Santis, ndr) affinché incontrasse un giornalista del quotidiano Il Tempo, cui raccontare la vicenda attinente a Natalini”.

Si tratta di Aldo Natalini, pm originario di Viterbo che lavora a Siena, nel pool di magistrati che indagano sullo scandalo Monte dei Paschi. E’ amico fraterno di De Santis dai tempi dell’università. Il 7 agosto “Il Giornale d’Italia” pubblica la notizia di un avviso di garanzia al magistrato nella stessa indagine sull’avvocato e il giornalista.

Dietro la pubblicazione di quell’articolo c’è Gianlorenzo, che a De Santis promette di alzare il tiro “nei confronti della procura della Repubblica di Viterbo e in particolare contro il pm titolare” Massimiliano Siddi, che lo indaga in tre fascicoli diversi, “a suo dire manovrato da noti esponenti politici di area centro sinistra che intendevano in qualche modo ostacolare le indagini condotte da Natalini in relazione alle vicende del Monte dei Paschi di Siena”.

L’obiettivo è “propalare notizie su Natalini per attaccare strumentalmente anche la procura di Viterbo”. Una macchina del fango più sofisticata di quelle per le quali Gianlorenzo è inquisito finora. Fango sul pm che lo indaga. Su un’intera procura. Sull’area politica a lui avversa.

E se si riesce a far passare il concetto che le toghe rosse pilotano l’indagine sull’Mps, la destra ringrazierà. Da quanto racconta De Santis, Gianlorenzo era convinto che “sarebbe stato opportuno fare in modo che della vicenda venisse a conoscenza l’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi cui, per contropartita, sarebbe stato chiesto un contratto di lavoro a tempo indeterminato presso una delle sue aziende e un contratto per la pubblicazione di un libro con la casa editrice Mondadori in favore di De Santis”. Da qui, i solleciti all’avvocato per scrivere una lettera a Berlusconi e spedirla nella sua residenza romana.

Il 10 settembre è già pronta una richiesta di arresto per Gianlorenzo. Ma il gip rigetta: a ricostruire l’episodio è De Santis, coindagato e, quindi, interessato a scaricare le responsabilità sul giornalista. 

Il carcere per Gianlorenzo è solo questione di tempo. Due mesi e mezzo e per l’ex direttore di “Nuovo Viterbo Oggi” si spalancano le porte di Mammagialla.


Condividi la notizia:
24 novembre, 2013

Estorsione in concorso - 2013 ... Gli articoli

  1. Estorsione, esclusa una parte di intercettazioni
  2. Estorsione, al via il processo a Gianlorenzo
  3. Estorsione, Gianlorenzo e De Santis rinviati a giudizio
  4. Estorsione, De Santis rinuncia all'udienza preliminare
  5. Estorsione, Gianlorenzo di nuovo in aula
  6. Il pm Natalini fuori dall'inchiesta
  7. Estorsione, chiusa l'inchiesta su Gianlorenzo e De Santis
  8. Gianlorenzo torna in libertà
  9. Giornalista ai domiciliari, Taormina: "Andiamo in Cassazione"
  10. Paolo Gianlorenzo rimane agli arresti domiciliari
  11. "Minacciare le persone non è nel mio stile"
  12. Giornalista arrestato, duro scontro tra accusa e difesa
  13. Giornalista arrestato, oggi l'udienza al Riesame
  14. "Nessun patteggiamento, avanti fino al processo"
  15. Ascoltato un collaboratore di Gianlorenzo
  16. Gianlorenzo arrestato, è l'ora del Riesame
  17. "Angoscia, ansia e pressioni continue"
  18. Un "meccanismo estorsivo" quasi perfetto
  19. Gianlorenzo, gli avvocati chiedono la revoca degli arresti domiciliari
  20. Il carcere fa bene a Gianlorenzo che dà "segni di ravvedimento"
  21. Paolo Gianlorenzo agli arresti domiciliari
  22. "Un mio rapporto sessuale su un dvd della Procura", ma non è vero
  23. "Non sono un mangiabambini, accompagno i malati a Lourdes..."
  24. Gianlorenzo fa atto di contrizione e contesta le accuse
  25. Gianlorenzo: Mai minacciato la moglie di Battistoni
  26. "Se lasciato libero e privo di contenimenti, può commettere altri reati"
  27. "Attività illecite a ritmo continuo e una marcata pericolosità sociale"
  28. "Vedrai che ti succede..."
  29. Arrestato Paolo Gianlorenzo
  30. "Nessun patteggiamento, abbiamo sporto denuncia"
  31. No al dissequestro dei documenti di Gianlorenzo
  32. Gianlorenzo non risponde
  33. Interrogatorio per Gianlorenzo
  34. Estorsione, Gianlorenzo impugna il sequestro dei documenti
  35. Revocati i domiciliari a Samuele De Santis
  36. L'avvocato De Santis interrogato dal pm
  37. De Santis risponde per quattro ore punto su punto
  38. Estorsione, indagato anche Gianlorenzo
  39. Arrestato l'avvocato Samuele De Santis
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR