--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Corte d'appello - A marzo discussione e sentenza

Paziente dell’ospedale violentata, slitta il processo all’infermiere

Condividi la notizia:

Giovanni Piergentili

Giovanni Piergentili, l’infermiere arrestato per violenza sessuale su una paziente dell’Andosilla

Civita Castellana – E’ slittato a marzo il processo d’appello a Giovanni Piergentili.

L’infermiere 59enne di Sant’Oreste dovrà aspettare cinque mesi prima di sapere se i giudici della Corte d’appello di Roma confermeranno la sentenza di primo grado, che lo condannava a cinque anni e quattro mesi per violenza sessuale.

L’udienza, fissata per ieri mattina, è stata rinviata all’anno prossimo solo per problemi tecnici. Il presidente del collegio ha trovato la prima udienza utile, con pochi procedimenti da trattare, per dare alle parti tutto il tempo di esporre i fatti.

La vittima sarebbe una paziente dell’ospedale Andosilla di Civita Castellana. E’ qui che Piergentili lavorava come caposala.

La donna denunciò i presunti abusi in questura a Viterbo: agli agenti della squadra mobile di Fabio Zampaglione raccontò di essere stata palpeggiata su un lettino dell’ospedale mentre era ancora sotto anestesia, dopo un intervento chirurgico.

Le manette per l’infermiere scattarono un mese dopo – l’8 marzo 2011 – con l’accusa di violenza sessuale, peculato e detenzione di materiale pedopornografico. Da queste ultime due, il gip di Viterbo Franca Marinelli lo ha assolto al processo di primo grado con rito abbreviato, ritenendolo colpevole della violenza sessuale.

Dopo l’arresto, almeno altre quattro pazienti dell’Andosilla si sarebbero presentate in questura per riferire episodi analoghi agli agenti della mobile. Solo una, oltre alla donna costituitasi parte civile, ha sporto denuncia. Ma i fatti erano vecchi: risalivano ai primi anni ’90 e, per quelle accuse, Piergentili non era imputabile.

Nell’atto d’appello la difesa sostiene che non ci siano prove a carico dell’infermiere. A marzo, la parola ai legali dell’imputato e della parte civile. Dopodiché, la sentenza.


Condividi la notizia:
7 novembre, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR