Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il gip Francesco Rigato spiega nell'ordinanza di custodia cautelare i motivi per i quali è stato scelto di rinchiudere Paolo Gianlorenzo in carcere a Mammagialla

“Se lasciato libero e privo di contenimenti, può commettere altri reati”

Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo

Paolo Gianlorenzo 

Viterbo – Per lui solo il carcere poteva funzionare.

“Le modalità di agire di Gianlorenzo – sicuramente spregiudicate – e la pervicacia con la quale persegue i propri scopi estranei alla professione che svolge vengono giudicati come sintomatici di una indubbia proclività a delinquere, tali da indurre a ritenere che se lasciato libero e privo di contenimenti, possa commettere ulteriori reati”.

E poi: “Gianlorenzo è persona priva di remore nello svolgere le sue illecite attività a ritmo continuo, avendo fatto di esse un modo di agire che attua con costanza e tale da manifestare una marcata pericolosità sociale”.

Ne è convinto il gip Francesco Rigato, che nelle ultime pagine dell’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di Paolo Gianlorenzo si sofferma a spiegare perché è stato scelto proprio l’arresto in carcere e non un’altra misura. 

Per l’ex direttore del quotidiano Nuovo Viterbo oggi e L’Opinione di Viterbo sono scattate le manette sabato scorso alle 8,30, con l’accusa di estorsione in concorso con il suo ex avvocato Samuele De Santis, violenza privata e calunnia.

Una descrizione dettagliata e inquietante del giornalista, quella che emerge dal documento di 38 pagine del tribunale di Viterbo che, sul finale, sottolinea la “notevole pervicacia del Gianlorenzo nell’agire e nel tenere condotte in qualche modo persecutorie nei confronti delle persone che prende di mira di volta in volta o nei confronti di persone ad esse vicine”.

E’ il caso, ad esempio, delle minacce continue alla moglie dell’ex consigliere regionale Francesco Battistoni o, ancora, di una particolare quanto strana telefonata a un ispettore della polizia stradale che “denota una spiccata spregiudicatezza dell’indagato che non tralascia nulla pur di precostituirsi una strada che possa in seguito garantirgli l’impunità anche grazie al discredito che cerca di gettare sul prossimo e in particolare su appartenenti alle forze dell’ordine”.

Ma c’è altro. Ciò che, infatti, avrebbe convinto più che mai il pm Massimiliano Siddi a richiederne “la cattura per condurlo immediatamente in un istituto di custodia” e il gip Rigato ad accoglierla, sono due aspetti fondamentali: il “concreto pericolo di inquinamento probatorio da parte del Gianlorenzo” e l’inadeguatezza dei domiciliari motivata dal fatto che il giornalista “usa i mezzi informatici anche per comunicare verso l’esterno”.

Quanto al primo aspetto, ovvero il rischio di inquinamento delle prove, Gianlorenzo, sfruttando il fatto di essere un giornalista, avrebbe potuto secondo il gip Rigato “provocare indebite ingerenze nella libera determinazione delle persone che hanno reso le dichiarazioni a lui non certo favorevoli”.

A questo va aggiunta “la dimestichezza con la quale il Gianlorenzo usa i mezzi informatici anche per comunicare verso l’esterno e per trasmettere scritti e documentazione”. Particolare per il quale ” la misura degli arresti domiciliari appare inadeguata”.

Non c’era dunque altra alternativa a una cella del carcere di Mammagialla, “unica misura – specifica il documento del tribunale – in grado di fronteggiare le esigenze specialpreventive del caso concreto”, oltre che unica misura “proporzionata rispetto all’entità dei fatti contestati e alla sanzione che si ritiene possa essere irrogata alla luce della molteplicità delle condotte criminose poste in essere con costanza e assiduità”.


Condividi la notizia:
25 novembre, 2013

Estorsione in concorso - 2013 ... Gli articoli

  1. Estorsione, esclusa una parte di intercettazioni
  2. Estorsione, al via il processo a Gianlorenzo
  3. Estorsione, Gianlorenzo e De Santis rinviati a giudizio
  4. Estorsione, De Santis rinuncia all'udienza preliminare
  5. Estorsione, Gianlorenzo di nuovo in aula
  6. Il pm Natalini fuori dall'inchiesta
  7. Estorsione, chiusa l'inchiesta su Gianlorenzo e De Santis
  8. Gianlorenzo torna in libertà
  9. Giornalista ai domiciliari, Taormina: "Andiamo in Cassazione"
  10. Paolo Gianlorenzo rimane agli arresti domiciliari
  11. "Minacciare le persone non è nel mio stile"
  12. Giornalista arrestato, duro scontro tra accusa e difesa
  13. Giornalista arrestato, oggi l'udienza al Riesame
  14. "Nessun patteggiamento, avanti fino al processo"
  15. Ascoltato un collaboratore di Gianlorenzo
  16. Gianlorenzo arrestato, è l'ora del Riesame
  17. "Angoscia, ansia e pressioni continue"
  18. Un "meccanismo estorsivo" quasi perfetto
  19. Gianlorenzo, gli avvocati chiedono la revoca degli arresti domiciliari
  20. Il carcere fa bene a Gianlorenzo che dà "segni di ravvedimento"
  21. Paolo Gianlorenzo agli arresti domiciliari
  22. "Un mio rapporto sessuale su un dvd della Procura", ma non è vero
  23. "Non sono un mangiabambini, accompagno i malati a Lourdes..."
  24. Gianlorenzo fa atto di contrizione e contesta le accuse
  25. Gianlorenzo: Mai minacciato la moglie di Battistoni
  26. "Attività illecite a ritmo continuo e una marcata pericolosità sociale"
  27. Gianlorenzo pronto a raccattare un lavoro da Berlusconi
  28. "Vedrai che ti succede..."
  29. Arrestato Paolo Gianlorenzo
  30. "Nessun patteggiamento, abbiamo sporto denuncia"
  31. No al dissequestro dei documenti di Gianlorenzo
  32. Gianlorenzo non risponde
  33. Interrogatorio per Gianlorenzo
  34. Estorsione, Gianlorenzo impugna il sequestro dei documenti
  35. Revocati i domiciliari a Samuele De Santis
  36. L'avvocato De Santis interrogato dal pm
  37. De Santis risponde per quattro ore punto su punto
  38. Estorsione, indagato anche Gianlorenzo
  39. Arrestato l'avvocato Samuele De Santis
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR