Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Imprenditore trova prosciugate le finanze delle sue società - L'avvocato prepara l'atto di citazione in tribunale per il risarcimento

Buchi da 80mila euro nei conti correnti

Condividi la notizia:

Il tribunale di Viterbo

Il tribunale di Viterbo

Viterbo – Buchi nei conti correnti per almeno 80mila euro.

Sgradito regalo di Natale, per un imprenditore viterbese. Sotto l’albero, un commerciante di preziosi ha trovato ammanchi da almeno quattro zeri nelle casse delle sue società. Prelievi non autorizzati per almeno 80mila euro. Ma, con le verifiche bancarie ancora in corso, l’importo della somma distratta è destinato ad aumentare.

I conti erano stati aperti nella filiale viterbese di un noto istituto di credito. Dei misteriosi ammanchi, l’imprenditore non si accorge subito. Essendo legale rappresentante di più società ed eseguendo spesso operazioni di rilievo, non nota sulle prime quei prelevamenti sistematici e in contanti. 

Solo quando l’entità della cifra diventa consistente comincia a sospettare. Sospetti che diventano certezza con l’ispezione bancaria richiesta dal suo avvocato Emanuele Barbacci e i riscontri sulle molteplici operazioni di addebito non autorizzate dall’imprenditore.

Agli 80mila euro volatilizzati si arriva con prelievi singoli dall’importo diverso. Sempre superiore ai 5mila euro. Qualcuno anche da 12mila. Addebiti abusivi, con la firma falsa dell’imprenditore, che si estendono a tutto il 2013.

Il commerciante, ora, rivuole indietro i soldi fino all’ultimo centesimo. Per questo ha dato mandato all’avvocato Barbacci di intentare una causa civile per il risarcimento contro l’istituto di credito. Una vicenda dai contorni ancora fumosi che potrà essere chiarita solo con ulteriori verifiche e che, oltre ai risvolti civili, potrebbe avere ripercussioni anche sul piano penale.

 

 

 

 


Condividi la notizia:
24 dicembre, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR