--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Minacce e violenza privata - Il Riesame si riserva sulla richiesta di revoca dei domiciliari - Spunta una denuncia alla moglie di Gianlorenzo e un'altra all'avvocato Enrico Valentini

Giornalista arrestato, duro scontro tra accusa e difesa

Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo

Paolo Gianlorenzo

L'avvocato Franco Taurchini

L’avvocato Franco Taurchini

L'avvocato Carlo Taormina

L’avvocato Carlo Taormina

Il pm Massimiliano Siddi

Il pm Massimiliano Siddi

Roma – Giornalista arrestato, il Riesame prende tempo.

Non arriverà subito la decisione sul destino di Paolo Gianlorenzo. Il tribunale del Riesame di Roma si è riservato sulla richiesta di revoca dell’ordinanza che ha spedito in cella l’ex direttore di “Nuovo Viterbo oggi”, ora ai domiciliari.

Su Gianlorenzo, al centro di tre diverse inchieste della procura di Viterbo, pendono le accuse di violenza privata, minacce e calunnia. Gli agenti della polstrada lo hanno arrestato dopo la denuncia sporta dalla moglie di Francesco Battistoni, ex capogruppo regionale Pdl e storico bersaglio degli infuocati articoli del giornalista. 

Secondo la signora, Gianlorenzo l’avrebbe bloccata in cima alle scale della scuola Vanni, frequentata dai figli di Battistoni e da quelli del giornalista. Lui le si sarebbe parato davanti per non permetterle di uscire. Aggiungendo la frase sinistra: “Vedrai che ti succede…”.

Fatti di lieve entità, secondo i suoi avvocati Franco Taurchini e Carlo Taormina, che hanno ingaggiato un duro e lungo scontro in aula con il pm Massimiliano Siddi. L’accusa ha fatto un excursus completo anche sulle altre indagini a carico di Gianlorenzo: quella sulle fatture pompate per screditare il gruppo Pdl (allora guidato da Battistoni) e quella sulla macchina del fango (a danno di Battistoni e altri), con cui Gianlorenzo avrebbe massacrato politici e imprenditori dalle pagine del suo giornale. Quasi sempre per ottenere da loro qualcosa. Proprio per questo gli inquirenti gli contestano la tentata estorsione.

Quanto ai fatti che lo hanno portato in carcere, il 23 novembre scorso, la difesa non vede né le minacce, né tantomeno la violenza privata. “Il corridoio era largo cinque metri – afferma l’avvocato Taurchini -. La signora aveva spazio per passare. Da parte di Gianlorenzo, comunque, non c’era alcun intento di bloccarla, né quel “Vedrai che ti succede” può essere considerato una minaccia”.

Piuttosto sarebbe lui a sentirsi minacciato. “Gianlorenzo ha denunciato l’avvocato di Battistoni Enrico Valentini – dichiara Taurchini -. Tempo fa, durante un incontro casuale, il legale gli ha detto di smetterla di tormentare Battistoni, “perché di sopra, in procura, gli stavano preparando un bel piattino…”. Ci sembra dunque evidente che l’avvocato Valentini fosse al corrente degli sviluppi delle indagini. Sapeva probabilmente della prima richiesta di arresto per Gianlorenzo, rigettata perché non c’erano elementi nuovi a suo carico. Strana coincidenza, il 26 ottobre arriva la denuncia della moglie di Battistoni…”. A questa, ne seguirà una per ingiurie a carico della moglie di Gianlorenzo, Benedetta Ferrari, per insulti via Facebook alla signora Battistoni.

Il pm ha insistito perché Gianlorenzo resti ai domiciliari. Gli avvocati ne chiedono la revoca. Al massimo un divieto di avvicinamento, con una distanza minima di cento metri, che per i legali risolverebbe il problema.

La parola, ora, spetta ai giudici.


Condividi la notizia:
9 dicembre, 2013

Estorsione in concorso - 2013 ... Gli articoli

  1. Estorsione, esclusa una parte di intercettazioni
  2. Estorsione, al via il processo a Gianlorenzo
  3. Estorsione, Gianlorenzo e De Santis rinviati a giudizio
  4. Estorsione, De Santis rinuncia all'udienza preliminare
  5. Estorsione, Gianlorenzo di nuovo in aula
  6. Il pm Natalini fuori dall'inchiesta
  7. Estorsione, chiusa l'inchiesta su Gianlorenzo e De Santis
  8. Gianlorenzo torna in libertà
  9. Giornalista ai domiciliari, Taormina: "Andiamo in Cassazione"
  10. Paolo Gianlorenzo rimane agli arresti domiciliari
  11. "Minacciare le persone non è nel mio stile"
  12. Giornalista arrestato, oggi l'udienza al Riesame
  13. "Nessun patteggiamento, avanti fino al processo"
  14. Ascoltato un collaboratore di Gianlorenzo
  15. Gianlorenzo arrestato, è l'ora del Riesame
  16. "Angoscia, ansia e pressioni continue"
  17. Un "meccanismo estorsivo" quasi perfetto
  18. Gianlorenzo, gli avvocati chiedono la revoca degli arresti domiciliari
  19. Il carcere fa bene a Gianlorenzo che dà "segni di ravvedimento"
  20. Paolo Gianlorenzo agli arresti domiciliari
  21. "Un mio rapporto sessuale su un dvd della Procura", ma non è vero
  22. "Non sono un mangiabambini, accompagno i malati a Lourdes..."
  23. Gianlorenzo fa atto di contrizione e contesta le accuse
  24. Gianlorenzo: Mai minacciato la moglie di Battistoni
  25. "Se lasciato libero e privo di contenimenti, può commettere altri reati"
  26. "Attività illecite a ritmo continuo e una marcata pericolosità sociale"
  27. Gianlorenzo pronto a raccattare un lavoro da Berlusconi
  28. "Vedrai che ti succede..."
  29. Arrestato Paolo Gianlorenzo
  30. "Nessun patteggiamento, abbiamo sporto denuncia"
  31. No al dissequestro dei documenti di Gianlorenzo
  32. Gianlorenzo non risponde
  33. Interrogatorio per Gianlorenzo
  34. Estorsione, Gianlorenzo impugna il sequestro dei documenti
  35. Revocati i domiciliari a Samuele De Santis
  36. L'avvocato De Santis interrogato dal pm
  37. De Santis risponde per quattro ore punto su punto
  38. Estorsione, indagato anche Gianlorenzo
  39. Arrestato l'avvocato Samuele De Santis
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR