Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Giornalista in manette - Nell'ordinanza del gip Rigato le modalità utilizzate da De Santis e Gianlorenzo per avvicinare le vittime

Un “meccanismo estorsivo” quasi perfetto

Condividi la notizia:

Paolo Gianlorenzo in Procura

Paolo Gianlorenzo

L'avvocato Samuele De Santis

L’avvocato Samuele De Santis

Viterbo – (f.b.) – Un “meccanismo estorsivo” quasi perfetto.

Avvicinare le future vittime, prospettargli il pericolo di essere indagate in un’inchiesta, millantare di controllare i mezzi di informazione e, infine, ottenere rapidamente il certificato con le eventuali notizie di reato.

Erano questi i quattro passi chiave sui quali si sarebbe basata l’estorsione in concorso messa in piedi in più di un’occasione dall’avvocato Samuele De Santis e dal giornalista Paolo Gianlorenzo, arrestato sabato 23 novembre con le accuse di calunnia, violenza privata e, appunto, estorsione.

Un “modus operandi” abbastanza semplice, ma efficace al punto di mettere con le spalle al muro i propri bersagli.

La tattica utilizzata dai due viene descritta punto per punto nell’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di Gianlorenzo e redatta dal gip del tribunale di Viterbo Francesco Rigato. Tattica che sarebbe andata in porto almeno in due casi.

Paolo Gianlorenzo e Samuele De Santis “al fine di trarne un ingiusto profitto, in concorso tra loro, mediante minacce, implicite e larvate costringevano Paolo Bianchini a conferire al De Santis la delega per effettuare una richiesta ex articolo 335 c.p.p., finalizzata a ricevere comunicazioni dalla Procura della Repubblica di Viterbo” relative alla sua eventuale iscrizione nel registro delle notizie di reato in qualità di indagato.

Procedura praticamente identica riproposta anche nei confronti di Luigi Todaro che, sempre al fine di far ottenere la delega all’avvocato De Santis, “costringevano, mediante un complesso sistematico e organico di condotte intimidatorie e minatorie”.

Secondo quanto raccontato da Luigi Todaro “De Santis e Gianlorenzo avevano alimentato in lui un forte senso di paura prospettandogli l’imminente applicazione nei suoi confronti di una misura cautelare sulla scorta di atti e informazioni in loro possesso”.

Un sistema che, invece, non funzionò né con Amedeo Orsolini né con Armando Balducci. Il primo, ad esempio, dopo aver avuto alcuni contatti con De Santis e con Gianlorenzo “non li aveva più rivisti avendo deciso di continuare ad avvalersi del suo difensore di fiducia”.

Il terzo step della presunta tecnica estorsiva sarebbe stato quello di tranquillizzare le vittime millantando di poter controllare in qualche modo una parte della stampa.

“Il Bianchini – si legge ancora nell’ordinanza – ha riferito di aver ricevuto un sms con il quale il De Santis gli aveva comunicato: uscita soft su Etruria News, Gianlorenzo non si controlla, però non è pesante, se vuoi uscire sui giornali con la cronaca giudiziaria fammi sapere che te la organizzo come si deve”, mentre in una intercettazione del 21 febbraio del 2013 “intercorsa tra il De Santis e il Gianlorenzo il primo viene colto nel dire all’altro: la stampa lo sai la controllo eh, non te sta a preoccupà…”.

Il reato ipotizzato è quindi l’estorsione perché “la minaccia costitutiva del delitto di estorsione, oltre a essere palese ed esplicita, può essere manifestata anche in maniera implicita e indiretta, essendo solo necessario che essa sia idonea a incutere timore e a coartare la volontà del soggetto passivo”.

Ognuno aveva il suo ruolo e se uno di quelli principali di Samuele De Santis era di manifestare “la possibilità di ottenere il certificato di cui all’articolo 335 c.p.p. in tempi rapidi rispetto all’ordinario”, la presenza di Gianlorenzo agli incontri con le vittime “aveva il preciso scopo di incutere ancor più timore nella parte offesa in ragione dei metodi giornalistici non proprio morbidi adottati dallo stesso”.

Un meccanismo che si è dimostrato, alla fine, tutt’altro che perfetto. L’ex assessore provinciale Paolo Bianchini e l’avvocato Luigi Todaro hanno infatti deciso di raccontare tutto agli inquirenti e i due indagati dovranno ora rispondere di estorsione in concorso.

L’avvocato Samuele De Santis è stato alcuni giorni ai domiciliari e poi liberato, mentre per Paolo Gianlorenzo si sono aperte sabato 23 novembre le porte del carcere di Mammagialla. Poi, dopo l’interrogatorio di garanzia il gip gli ha concesso i domiciliari con il divieto di utilizzare telefono e mezzi informatici per comunicare con l’esterno, anche tramite terzi.

Mecoledì mattina, infine, gli avvocati Carlo Taormina e Franco Taurchini hanno impugnato la misura cautelare dei domiciliari al tribunale del Riesame.


Condividi la notizia:
1 dicembre, 2013

Estorsione in concorso - 2013 ... Gli articoli

  1. Estorsione, esclusa una parte di intercettazioni
  2. Estorsione, al via il processo a Gianlorenzo
  3. Estorsione, Gianlorenzo e De Santis rinviati a giudizio
  4. Estorsione, De Santis rinuncia all'udienza preliminare
  5. Estorsione, Gianlorenzo di nuovo in aula
  6. Il pm Natalini fuori dall'inchiesta
  7. Estorsione, chiusa l'inchiesta su Gianlorenzo e De Santis
  8. Gianlorenzo torna in libertà
  9. Giornalista ai domiciliari, Taormina: "Andiamo in Cassazione"
  10. Paolo Gianlorenzo rimane agli arresti domiciliari
  11. "Minacciare le persone non è nel mio stile"
  12. Giornalista arrestato, duro scontro tra accusa e difesa
  13. Giornalista arrestato, oggi l'udienza al Riesame
  14. "Nessun patteggiamento, avanti fino al processo"
  15. Ascoltato un collaboratore di Gianlorenzo
  16. Gianlorenzo arrestato, è l'ora del Riesame
  17. "Angoscia, ansia e pressioni continue"
  18. Gianlorenzo, gli avvocati chiedono la revoca degli arresti domiciliari
  19. Il carcere fa bene a Gianlorenzo che dà "segni di ravvedimento"
  20. Paolo Gianlorenzo agli arresti domiciliari
  21. "Un mio rapporto sessuale su un dvd della Procura", ma non è vero
  22. "Non sono un mangiabambini, accompagno i malati a Lourdes..."
  23. Gianlorenzo fa atto di contrizione e contesta le accuse
  24. Gianlorenzo: Mai minacciato la moglie di Battistoni
  25. "Se lasciato libero e privo di contenimenti, può commettere altri reati"
  26. "Attività illecite a ritmo continuo e una marcata pericolosità sociale"
  27. Gianlorenzo pronto a raccattare un lavoro da Berlusconi
  28. "Vedrai che ti succede..."
  29. Arrestato Paolo Gianlorenzo
  30. "Nessun patteggiamento, abbiamo sporto denuncia"
  31. No al dissequestro dei documenti di Gianlorenzo
  32. Gianlorenzo non risponde
  33. Interrogatorio per Gianlorenzo
  34. Estorsione, Gianlorenzo impugna il sequestro dei documenti
  35. Revocati i domiciliari a Samuele De Santis
  36. L'avvocato De Santis interrogato dal pm
  37. De Santis risponde per quattro ore punto su punto
  38. Estorsione, indagato anche Gianlorenzo
  39. Arrestato l'avvocato Samuele De Santis
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR