--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Carabinieri - Un arresto e una denuncia per furto aggravato in concorso - In manette anche un uomo evaso dai domiciliari e un 18enne trovato con una serra di cannabis in casa

Sorpresi a rubare una roulotte in un campeggio

Condividi la notizia:

Due pattuglie dei carabinieri generica

Due pattuglie dei carabinieri 

Montefiascone – Sorpresi a rubare una roulotte in un campeggio.

I carabinieri della compagnia di Montefiascone durante il periodo delle festività natalizie hanno incrementato il numero di pattuglie eseguendo numerosi controlli a persone e veicoli in transito, sottoponendo molti giovani al test con l’etilometro per fronteggiare il fenomeno delle stragi del sabato sera.

Nell’ambito di tale attività i militari hanno arrestato in flagranza di reato tre persone.

Il nucleo operativo e radiomobile ha arrestato una cittadina straniera per furto aggravato e detenzione di arnesi atti allo scasso, nonché denunciato un’altra persona per concorso in reato.

I militari, da quanto appreso, hanno sorpreso i malviventi mentre stavano portando via una roulotte  in un campeggio di Bolsena, trainandola attraverso un furgone; l’arresto è stato compiuto al termine di un inseguimento che si è concluso con il recupero del mezzo rubato, restituito poi al legittimo proprietario.

I carabinieri di  Capodimonte hanno arrestato un marocchino perché evaso dai domiciliari. L’uomo, contravvenendo la prescrizione di rimanere nella sua casa, si era diretto con la macchina in un bar di Capodimonte in cui, dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, ha innescato liti con qualche cliente.

I militari di Montefiascone, infine, hanno arrestato un giovane del luogo, appena diciottenne, per coltivazione di canapa indiana. Controllato sulla pubblica via mentre si trovava in compagnia di alcuni coetanei in atteggiamento sospetto, i militari hanno perquisito la sua casa, trovando una serra artigianale munita di una lampada al neon per il riscaldamento dell’ambiente, al cui interno erano coltivate cinque piante di cannabis indica per un peso complessivo di circa cento grammi.

Nel corso dell’attività è stato sequestrato anche del materiale idoneo al confezionamento e alla pesatura dello stupefacente. Gli arresti sono stati tutti convalidati dal tribunale di Viterbo.


Condividi la notizia:
9 gennaio, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR