Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Salute - Il singolare annuncio di una struttura francese per approfondire la ricerca sugli effetti che ha la cannabis sul cervello

“AAA ospedale recluta fumatori di marijuana”

Condividi la notizia:

La marijuana sequestrata nel blitz

Marijuana 

Nancy – “Reclutiamo fumatori di marijuana”.

E’ questo l’annuncio dell’ospedale di Nancy in Francia che, dopo questa particolare richiesta, sarebbe stato letteralmente preso d’assalto.

Il fine è quello di studiare gli effetti che ha la cannabis sul cervello della gente.

“Oltre 300 persone si sono presentate per partecipare allo studio – afferma sorpreso il dottor Vincent Laprèvote -. Il centralino sembra esplodere”.

La ricerca vuole prendere 180 volontari divisi in tre gruppi di età compresa tra i 18 e i 55 anni. L’annuncio è rivolto a chi fa uso di cannabis almeno sette volte a settimana da più di un anno, fumatori di tabacco, non fumatori.

“Stranamente siamo ancora alla ricerca di fumatori di sigarette, ma per la cannabis, siamo al completo, sold out” afferma ancora Laprèvote.

Perché fare questa ricerca?

“Sappiamo che il consumo frequente di cannabis causa disturbi cognitivi, riduzione del quoziente intellettivo, alterazione della memoria e dell’attenzione – spiega Laprèvote – ma questi studi che esistono già non dicono come funziona. Non raccontano ciò che succede nel nostro cervello”.

Da qui la scelta della strada dell’osservazione. “Se ci sono anomalie sull’uso regolare di cannabis, le ritroveremo sulla retina, che è un pezzo del cervello” afferma il dottore.

Ma una precisazione è doverosa. In ospedale, avverte Laprèvote, “non si potranno in alcun modo fumare spinelli e noi non daremo niente”, al contrario, alla fine della ricerca, che durerà un anno circa, “vogliamo proporre loro un aiuto”.


Condividi la notizia:
23 febbraio, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR