--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lazio - Per interventi di manutenzione straordinaria di ambulatori, reparti, uffici e aree di accesso, ma soprattutto i pronto soccorso e l’'area dell’'emergenza

Dalla Regione oltre un milione e mezzo alla Asl

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

La sede della Regione Lazio

La sede della Regione Lazio 

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – La giunta regionale ha deliberato di fornire alle Asl e alle aziende ospedaliere pubbliche un “tesoretto” di 35 milioni di euro destinato a finanziare interventi di manutenzione straordinaria di ambulatori, reparti, uffici e aree di accesso, ma soprattutto i pronto soccorso e l’’area dell’’emergenza.

Il fondo è stato ripartito in modo uguale tra le 21 aziende operative del sistema regionale. Ogni azienda riceverà la stessa cifra, pari a un milione e 675mila euro. Unica eccezione è la Asl C che invece riceverà un supplemento di  900mila euro, portando il finanziamento complessivo a circa 2 milioni 600mila euro, dovendo far fronte a lavori indifferibili prescritti dai vigili del fuoco con un verbale dello scorso 9 gennaio.

Le opere, visto il breve lasso di tempo fissato per arrivare alla loro conclusione, saranno affidate anche con la  modalità della somma urgenza.

Si tratta di una indicazione operativa utile a evitare lungaggini burocratiche nell’’affidamento dei lavori stessi, ma indispensabile per realizzarle in breve tempo, si tratta infatti di lavori necessari a garantire l’’erogazione di una qualità assistenziale accettabile in tutte le aziende e tutti gli ospedali del Lazio e risolvere le situazioni che presentano maggiori criticità strutturali come nel caso dei pronto soccorso.

Spetta ai nuovi direttori generali definire un piano di utilizzo di queste risorse. Ogni azienda, ospedale o Irccs della rete regionale deve concludere i cantieri, compreso il collaudo, entro e non oltre il 31 ottobre di quest’anno, se i finanziamenti non saranno utilizzati entro la data prevista le somme residue torneranno  alla Regione.

Regione Lazio


Condividi la notizia:
27 febbraio, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR