- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“La campagna ha assunto una piega che non mi piace”

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Andrea Egidi [4]

Andrea Egidi

Viterbo – Primarie Pd per la segreteria regionale, siamo alle battute finali di una campagna che nella Tuscia ha assunto toni particolarmente accesi. In particolare fra i sostenitori dei due principali contendenti: da una parte Melilli e l’area che fa riferimento a Egidi, Panunzi, Mazzoli e dall’altra Bonaccorsi, con i renziani e Fioroni.

“La campagna delle elezioni primarie ha assunto una piega che a me non piace – dice il segretario provinciale Egidi – non mi preoccupa la polemica politica. Il punto è il tono aggressivo e al limite dei corretti rapporti tra noi, che sta salendo in modo esponenziale in queste settimane. Toni e frasi che non aiutano il Pd e nemmeno una normale competizione”.

Le acque si stanno mescolando. “Si sta mettendo in piedi una dinamica contro il governo della regione Lazio – osserva Egidi – Zingaretti e Panunzi. Si costruisce la campagna per le primarie basata su una feroce critica, tentando di delegittimare i nostri rappresentanti istituzionali, a partire dal consigliere regionale Panunzi, che svolge la sua funzione in modo lineare e trasparente dal punto di vista delle relazioni e dei rapporti politici e istituzionali con la Tuscia.

Perché non si discute dei tre candidati Melilli, Bonaccorsi e Guglielmo, piuttosto che bombardare il nemico dall’interno?”.

A Montalto l’appoggio di Eleonora Sacconi, assessora alla cultura nella giunta Caci, a Lorenza Bonaccorsi è stata farcita da una forte polemica verso l’altra parte democratica, pro Melilli.

“Com’è possibile che dirigenti dello stesso partito – si domanda Egidi – restino in silenzio di fronte a prese di posizione come quelle dell’assessora? E’ normale ricevere endorsement d’esponenti di giunte di centrodestra, gli stessi che dichiarano di votare alle primarie del Pd e poi accolgono senza problemi con dirigenti nazionali quali la senatrice Renata Polverini”.

Riferimento a un recente incontro a Montalto cui la ex presidente della regione era presente.

“Bisogna essere consapevoli che c’è una netta incompatibilità tra noi e chi governa con la destra e non mi spiego come mai dirigenti provinciali del Pd non provino imbarazzo nei confronti di questi flirt.

Noi stiamo eleggendo il nuovo segretario Pd del Lazio, non lo si fa passando sopra al lavoro dei nostri circoli che offrono l’opportunità, in questo caso a Montalto di Castro, dell’alternativa a governi di centrodestra”.


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]