--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - In programma per il primo e 2 marzo

Sel, al via la due giorni del congresso comunale

Condividi la notizia:

Umberto Cinalli

Umberto Cinalli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Congresso comunale del circolo di Sinistra Ecologia e Libertà di Viterbo.

Sabato primo marzo nella sala Bianco Volta in via della Piagge 23 a Viterbo si svolgerà il congresso comunale di Sel.

Programma

Alle 16: Avvio dei lavori
Saluti e relazione introduttiva
Interventi ospiti
Discussione aperta
Presentazione dei documenti e delle modalità di voto

Domenica 2 marzo
Alle 10 Operazioni di voto
alle 13 chiusura

(info: 338.4356568)

________________________________________________________________________________

Un congresso può essere considerato in modi diversi, tra liturgia e voglia di fare politica in modo nuovo. Noi conosciamo un modo solo di farlo, abbiamo una sola prospettiva.La politica è un insieme: proiezione comune verso il futuro, un forte progetto etico, politico e culturale, il rifiuto degli integralismi, delle egemonie, degli interessi di parte; ma anche di preannuncio di ripensamento, di distacco, di ricerca di altre vie. Come diceva Alex Langer.

In un momento che ci accompagna verso le prossime – importanti – elezioni europee pensare a Langer è una ipotesi che sostiene e rinsalda. La nostra prospettiva è la Sinistra: etica e profonda.

A Viterbo questo deve essere un punto di ripartenza: le vicende nazionali (e regionali) devono calarsi nella situazione amministrativa comunale; queste insieme e sovrapposte possono e devono essere oggetto di confronto nel nostro territorio. E’ il vincolo culturale della Sinistra, sentire la responsabilità del “tutto” come delle singole questioni.

O siamo questo, questo sentire comune, oppure siamo altro e destinati alla sconfitta culturale. Rischio che corre la stessa amministrazione Michelini se non cambia passo e prassi.

Non siamo un partito per eleggere portatori di buone idee nelle stanze della politica, siamo un partito per portare la politica nei luoghi della democrazia e del lavoro. La partecipazione non è un lusso né una ipotesi. Senza cessione di sovranità la partecipazione è una truffa, è un imbroglio.

Di questo occorre parlare e da questo occorre ripartire

Umberto Cinalli
Coordinatore Sel Viterbo


Condividi la notizia:
19 febbraio, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR