Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Minorenni denunciano stupro di gruppo - Udienza preliminare, accolta la richiesta delle difese

Violentate nel bosco, rito abbreviato per i cinque ventenni

Condividi la notizia:

Un'aula del Palazzo di Giustizia viterbese

Un’aula del palazzo di giustizia viterbese

Montefiascone – Saranno processati con rito abbreviato i cinque ventenni accusati di violenza sessuale su due ragazzine straniere.

Lo ha deciso il gup Salvatore Fanti, accogliendo la richiesta dei difensori Paolo Angelo Sodani e Giandomenico Caiazza.

Il processo partirà ad aprile e sarà interamente basato sulle carte depositate finora: gli interrogatori dei cinque ventenni, delle presunte vittime, la consulenza informatica disposta dalla procura e gli accertamenti tecnici sull’auto in cui sarebbe avvenuto lo stupro.

Era l’alba del 30 settembre 2012. La 17enne russa e la 16enne norvegese, in Italia in vacanza studio, erano andate a ballare a Viterbo. In discoteca conoscono i cinque, quattro di Acquapendente e uno di Onano, che si offrono di dare loro un passaggio fino a casa.

Ma la macchina si ferma molto prima di arrivare: i cinque accostano in un boschetto a Montefiascone. Uno si apparta con la 16enne norvegese. Con l’altra restano in quattro per tre lunghe ore: dalle 5 del mattino arrivano a casa alle 8.

La denuncia parte il primo ottobre. Per i ragazzi, il pm Fabrizio Tucci chiede l’arresto, negato sia dal gip di Viterbo sia dal tribunale del Riesame. Motivo: le contraddizioni tra le due amiche. La più piccola mette in dubbio la violenza sull’altra: dice di non averla sentita gridare, mentre erano insieme in macchina con i cinque. Ma per la procura lo stupro c’è stato: da qui la richiesta di rinvio a giudizio e l’udienza preliminare.

Stamattina erano presenti la ragazza russa, oggi 19enne, con i genitori, un rappresentante dell’Ambasciata russa e la psicologa incaricata di eseguire una consulenza di parte. Assente, invece, la 18enne norvegese.

Entrambe si sono costituite parte civile con gli avvocati Alessandro Sola e Claudio Berardi.

 


Condividi la notizia:
5 febbraio, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR