--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La donna risultata incapace di intendere e di volere e socialmente pericolosa - Ad aprile il processo

Badante picchia anziana nella vasca, per il medico non era in sé

Condividi la notizia:

Via Santa Maria nuova

Via Santa Maria nuova

Un'aula di tribunale

Il tribunale di Viterbo

Viterbo – Rito abbreviato per la badante che picchiò nella vasca l’anziana che accudiva.

I.F., 54enne romena da alcuni anni in Italia, era stata arrestata a novembre per maltrattamenti, lesioni e violenza privata.

I carabinieri del Nucleo operativo radiomobile, coordinati da Annarita D’Ambrosio, l’avevano sorpresa a malmenare la sua datrice di lavoro 85enne S.R., dopo averla immobilizzata nella vasca da bagno con sedie e oggetti pesanti. 

Erano stati i vicini di casa dell’anziana a chiamare il 112. Precipitatisi nell’appartamento in via Santa Maria Nuova, hanno sentito subito le urla della vedova. Entrare è stato semplice: la porta di casa era socchiusa. I militari hanno trovato le due donne nel bagno. L’anziana, inferma, era stata adagiata nella vasca dalla badante che, inveiva contro di lei schiaffeggiandola.

I.F. avrebbe anche opposto resistenza ai carabinieri che la bloccavano, scagliandosi contro di loro. Ma, una volta in caserma, non è riuscita a spiegare il perché del suo comportamento. 

Per i carabinieri era sotto l’effetto di spinelli durante l’aggressione. Il medico che l’ha visitata ha concluso che fosse incapace di intendere e di volere, dichiarandone anche la pericolosità sociale. Dal carcere di Civitavecchia, quindi, la badante è stata trasferita all’ospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione dello Stiviere (Mantova), sotto misura di sicurezza per sei mesi.

Il suo avvocato Marina Bernini ha chiesto il processo con rito abbreviato. Ad aprile, la donna comparirà davanti al gup. 


Condividi la notizia:
29 marzo, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR