__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Processo Cev in Corte dei conti - Armando Balducci dopo l'assoluzione

“Una sentenza che mi ha restituito il sorriso”

Armando Balducci

Armando Balducci

L'avvocato Cosimo Alfonso Mastromarino

L’avvocato Cosimo Alfonso Mastromarino

Viterbo – Felice. Soddisfatto. Alleggerito di un peso che si è portato dietro per anni.

Armando Balducci non potrebbe provare sensazioni diverse, dopo l’assoluzione dal processo d’appello Cev in Corte dei conti.

Per lui è la fine di un ciclo. E anche se un altro continua davanti al tribunale di Viterbo, adesso può affrontarlo con più serenità.

“E’ stata dura – dichiara -. Alla fine di un percorso faticoso e pesante qualcuno ha riconosciuto la mia totale estraneità ai fatti che mi sono stati attribuiti”. Quel qualcuno è la terza sezione giurisdizionale centrale d’appello presieduta da Ignazio De Marco, che ha dato un taglio a tutti i risarcimenti disposti dai giudici di primo grado per il danno erariale seguito agli appalti affidati senza gara.

Qualche numero: 80mila euro, anziché 270mila, per l’ex sindaco di Viterbo Giancarlo Gabbianelli. 244mila euro invece di 902mila per l’ex dirigente dei Lavori pubblici Paolo Izzi. E poi l’assoluzione dell’ex amministratore delegato del Cev Roberto Leone, dell’ex dirigente Maurizio Guerrini e di Balducci. Che prende fiato, dopo aver rischiato di dover versare 120mila euro nelle casse comunali, come disposto dalla prima sentenza.

Da libero professionista ho cercato di fare del mio meglio per Viterbo. Mi sono dato da fare oltremodo per tirare fuori la città dal suo provincialismo. Risultato reso possibile anche dal lavoro di amministratori validi come Giancarlo Gabbianelli. Ho sempre pensato di lavorare correttamente. E diciamolo: anche bene e in modo professionale. Per tutta risposta sono stato sbattuto senza pietà sui giornali. Oggi posso dire che spero questa aggressione violenta sia finita, ma è stata una cosa fuori dai canoni della vita civile”.

L’architetto Balducci, nativo di Civita Castellana, vive a Roma da sempre. E a Viterbo, dal crack Cev in poi, è tornato sempre meno. “Quelle poche volte che ci sono venuto ho trovato una città regredita di quindici anni. Le sembra migliorata questa città? Da quando siamo usciti noi dall’amministrazione Viterbo è andata indietro, invece che avanti. I risultati che abbiamo ottenuto sono sotto gli occhi di tutti. Qualche merito lo avremo avuto”.

Ora resta il processo penale che, oltre a Balducci e Gabbianelli, vede coinvolte altre 24 persone. L’ex city manager, in quella sede, è imputato anche per associazione a delinquere. L’accusa contesta appalti affidati sempre agli stessi imprenditori: quelli del consorzio di aziende socio del Cev. Affidamenti diretti senza gare a evidenza pubblica all’origine del danno erariale alle casse del comune. Come anche le delibere di ricapitalizzazione della società che, per gli inquirenti, erano spese ingiustificate che Palazzo dei Priori non doveva accollarsi. 

Cosimo Alfonso Mastromarino, l’avvocato che ha assistito Balducci e Gabbianelli alla Corte dei conti, è ottimista. Per Gabbianelli resta possibile il ricorso in Cassazione. Mentre il proscioglimento di Balducci è “definitivo e destinato a pesare anche sul processo penale”.

Balducci frena. “Non so quali conseguenze potrà avere questa assoluzione sull’altro processo. Certo è che sono coinvolto senza sapere perché. Quando vengo in udienza, ci vengo per capire che ci sto a fare in quel processo. Io non ho mai avuto una responsabilità diretta sugli atti riguardanti il Cev. Al Cev ci sono stato una volta per dire che le cose non funzionavano. Se questo può essere motivo di imputazione… Ora come ora questa sentenza mi restituisce un po’ di sorriso e posso dire che, come vedete, non c’entravo niente. Il resto si vedrà. Lo scopriremo solo vivendo, come diceva qualcuno…“.

22 marzo, 2014

Cev ... Gli articoli

  1. "Cantiere per la piscina, mai visti contrasti tra Londero e Ciucciarelli"
  2. "Il presidente Moretti non si è mai interessato all'appalto"
  3. Crack Cev, corsa contro il tempo per la sentenza
  4. "No all'affidamento di lavori ai soci privati senza gara"
  5. Processo Cev, alla sbarra restano in sette
  6. No alla sentenza subito per Gabbianelli
  7. Processo Cev, per Gabbianelli sarà sentenza subito?
  8. Gabbianelli: "No alla prescrizione, si vada a sentenza"
  9. Processo Cev, parola ai testimoni delle difese
  10. Trenta accuse prescritte, quel che resta del Cev
  11. Processo Cev, battaglia sui testimoni
  12. Soldi "per mandare in vacanza i politici", Ciucciarelli si difende
  13. "Nessuna cena con i politici di An"
  14. Processo Cev, tocca alle difese
  15. Cev, il comune batte cassa ma gli imputati fanno ricorso
  16. Gabbianelli si difende per più di quattro ore
  17. Fatture false al Cev, prosciolti in quattro
  18. "Costretto ad andare a cena coi politici di An"
  19. "Duemila euro per mandare in vacanza i politici"
  20. Balducci non aveva precisi obblighi di controllo
  21. Cev, assolto Armando Balducci
  22. "C'abbiamo in azione il macchinario che fa i coriandoli..."
  23. "Trasferiti perché davamo fastidio"
  24. Crack Cev, parlano i dirigenti comunali
  25. Un buco tra i due e i tre milioni di euro sulle spalle del Comune
  26. "Lavoravamo per la città"
  27. C'era una volta il crack Cev...
  28. Processo Cev, via all'ascolto dei testimoni
  29. Gabbianelli: "Rinuncio alla prescrizione per tutti i reati"
  30. Fuori dal processo: Rotelli, Arena, Muroni, Fracassini, Tofani e Zucchi
  31. Scandalo Cev, centinaia di testimoni
  32. Processo Cev, slitta l'udienza
  33. Cev e Comune parti civili
  34. Muroni e Zucchi non fanno un passo indietro
  35. Scandalo Cev, parte il processo
  36. Cev, il Comune si costituirà parte civile
  37. Muroni condannato a pagare 190mila euro
  38. Dimettersi? E perché mai...
  39. "Valuteremo se costituirci parte civile"
  40. Bartoletti: Il comune si costituisca parte civile
  41. Il comune si costituisca parte civile e gli assessori si dimettano
  42. Cev, in 34 a processo
  43. Solo fango, e ingiuste e preannunciate decisioni...
  44. Cev, Gabbianelli & Co. rinviati a giudizio
  45. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  46. Cev, parlano le difese
  47. Cev, salta l'udienza
  48. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  49. "E' tutto regolare"
  50. Inchiesta Cev, tocca alle difese
  51. Cev, chiesto il rinvio a giudizio per Gabbianelli e gli altri indagati
  52. Cev, una notifica fa saltare l'udienza
  53. Sentenza Cev, tutti pronti a fare ricorso
  54. Gabbianelli attacca magistratura e Finanza

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564