--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Partito democratico - Il 29 marzo all'ex mattatoio di valle Faul con il segretario Andrea Egidi e la responsabile del forum eletti Lina Novelli

Enrico Panunzi spiega la nuova legge sull’acqua

Condividi la notizia:

Enrico Panunzi

Enrico Panunzi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La nuova legge sull’acqua approvata dalla Regione Lazio oltre a piacere a cittadini ed amministrazioni è motivo di soddisfazione per il Pd Viterbese.

Un testo di iniziativa popolare approvato da 39 consigli comunali con il sostegno di 40 mila abitanti del Lazio.

Non sono passati neppure 12 mesi e si è resa possibile l’approvazione di una proposta che diventa legge regionale grazie alla sensibilità ed alla celerità della giunta e del consiglio regionale di centrosinistra del Lazio

Tra le novità introdotte nella norma, l’acqua viene definito “bene comune” un diritto universale ed un interesse generale che deve essere gestito fuori dalla concorrenza attribuendo ai comuni un ruolo determinante.

Un cambio di tendenza rispetto al passato, per quale sia le comunità locali che i cittadini potranno partecipare svolgendo un ruolo attivo e di controllo sulla gestione del patrimonio idrico non solo tenendo conto della normativa e del rispetto dei principi costituzionali ma anche degli esiti del referendum 2011 e della legislazione statale vigente.

Di particolare importanza l’istituzione di “un fondo regionale per la ripubblicizzazione dell’acqua” che verrà finanziato con circa 60 milioni di euro iscritti nel bilancio regionale a partire dal 2015.

Beneficiari di queste provvidenze saranno i Comuni, eventualmente costituiti in consorzi o aziende speciali per l’organizzazione e la gestione del servizio idrico integrato.

Resta di competenza della Regione Lazio, entro sei mesi dall’approvazione della Legge, l’individuazione dei i “bacini idrografici” che andranno a sostituire gli attuali “Ambiti Territoriali Ottimali”, i quali attraverso la costituzione delle relative autorità saranno in grado di disciplinare le modalità di cooperazione fra gli enti locali.

Entro lo stesso termine saranno definite anche le forme ed i modi per assicurare il diritto a strumenti di partecipazione, sulla pianificazione, sulla programmazione e sulla gestione, ai lavoratori del servizio idrico integrato e agli abitanti del territorio.

La realizzazione, poi, di una carta regionale del servizio idrico sarà lo strumento di trasparenza e di definizione degli standard di qualità del servizio stesso che ogni cittadino avrà a disposizione per eventuale confronto e comparazione.

Ai fini di una informativa che permetta una condivisione del percorso da parte delle istituzioni locali e dei cittadini della provincia di Viterbo, il segretario provinciale del Pd Andrea Egidi e Lina Novelli come responsabile Provinciale del Forum degli Eletti hanno convocato per il giorno 29 marzo 2014 alle ore 10 presso l’ex mattatoio di Valle Faul a Viterbo un incontro con il consigliere regionale, Enrico Panunzi, membro della commissione ambiente e protagonista, tra gli altri, di questa conquista.

Andrea Egidi
segretario provinciale Pd
Lina Novelli
responsabile forum degli eletti

 


Condividi la notizia:
20 marzo, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR