Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Pescia Romana - La nonna piange il nipotino Leo - Commozione e lacrime ai funerali del piccolo morto a tre anni - Palloncini in aria per ricordarlo

“Era un bambino solare”

Condividi la notizia:

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno 

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno 

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno 

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno 

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno 

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno 

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

I funerali del piccolo Leonardo Sonno

Il piccolo Leonardo Sonno

Il piccolo Leonardo Sonno 

Pescia Romana – “Nemmeno la morte vi toglierà il vostro angioletto” (fotocronaca).

Sono parole intense e ricche di forza quelle usate da don Giovanni ai funerali del piccolo Leonardo Sonno, il bimbo di tre anni morto lo scorso sabato per una febbre altissima. 

Forza da trasmettere ai genitori del piccolo, Valentina e Filippo, straziati dal dolore sui banchi della chesa di San Giuseppe operaio a Pescia Romana.

Una folla immensa ha partecipato al funerale del bimbo. Lacrime e commozione tra le tante persone che, nonostante la pioggia battente, hanno riempito la chiesa per stringersi intorno al dolore della famiglia del piccolo.

Ai piedi dell’altare la piccola bara bianca ricoperta di fiori e poco più in là sulla sinistra la foto del piccolo Leo con gli occhi rivolti al cielo.

Faccio uno sforzo sovraumano a parlare – esordisce don Giovanni -, ma non posso tirarmi indietro. Da giorni viviamo un dolore immenso. Profondo. Un dolore provocato dall’assenza di Leonardo che non è più tra noi, ma solo fisicamente. La sofferenza è soprattutto di Valentina, Filippo e dei nonni. Condividiamo questo momento con loro, anche se sappiamo che serve a poco. Sarà un modo per alleggerire il macigno che sentiamo sul cuore”.

Più volte il parroco si è chiesto il perché di una morte così prematura. “Non so rispondere al perché sia accaduto tutto questo. Nessuno di noi può farlo. Per evitare, però, che la disperazione prenda il sopravvento dobbiamo guardare a Gesù. Il piccolo Leo è in cielo e un angelo, ora, è accanto a Dio. Lui ha sempre avuto una grande forza. Anche i medici si meravigliavano della sua tenacia. Prendiamo esempio da questo per andare avanti anche se ora sentiamo viva l’angoscia nel cuore. Dio non ci ha abbandonati e mai lo farà. Oggi accompagniamo Leo all’incontro con il Signore”.

Il sacerdote quindi ha posto l’accento sul valore della vita. “Leo aveva davanti tanti anni. La vita però è imprevedibile e solo guardando al Signore possiamo trovare la serenità di spirito necessaria ad andare avanti. Leonardo è accanto al Signore a da lì ci guarda e guarda la sua famiglia restando con loro. La vita è fragile, diamogli il senso e il valore che deve avere. Viviamola”.

A conclusione dell’omelia don Giovanni si è rivolto ai genitori. “Non vedrete più Leonardo, ma lui è con voi. E’ parte di voi e nessuno, nemmeno la morte, ve lo potrà togliere. Lui è forte nella vostra anima. Noi, da parte nostra, vi saremo vicini con la preghiera, l’affetto e l’amicizia”.

Durante la messa è stata anche letta una della nonna del piccolo che rivolgendosi al suo nipotino lo ha ricordato come un bambino solare.

Conclusa la cerimonia, il feretro è stato portato all’esterno e, appena sotto i portici della chiesa, una marea di palloncini bianchi e celesti a forma di cuore si è alzata in cielo per accompagnare il piccolo nel suo ultimo viaggio.


Condividi la notizia:
27 marzo, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR