--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Lago di Vico - Chiricozzi (Aics) punta il dito contro il comune di Caprarola e commenta: "Un'assurdità"

Novecento faggi “tagliati per sicurezza”

Condividi la notizia:

I faggi tagliati

I faggi tagliati

Ronciglione – Riceviamo e pubblichiamo – Nonostante le opposizioni presentate dal comitato provinciale Aics e da altre associazioni ambientaliste, gli amministratori del comune di Caprarola continuano a far tagliare i faggi di Monte Fogliano e vorrebbero iniziarne a Monte Venere.

Occorre quindi continuare nel tentativo di far comprendere agli amministratori quanto sia dannoso e come dopo il taglio, non sarà possibile riveder nascere faggi.

Ma si sa: non c’è peggior sordo, di chi non vuole sentire. Perché non vogliono sentire? Quale otorino potrà stappare loro gli orecchi?

Il nostro compito è quindi continuare a richiedere ai cittadini, più o meno organizzati in associazioni e agli amministratori, che più hanno a cuore gli interessi veri della gente, di far fronte comune per bloccare quelle che definiamo senza ombra di dubbio nefandezze.

Il taglio delle faggete è stato voluto per far cassa dal comune di Caprarola ed è stato appoggiato da varie amministrazioni e istituzioni, con giustificazioni sicuramente contestabili.

In particolare siamo nettamente contrari al taglio della faggeta del Monte Fogliano, giustificato per evitare frane. Ci auguriamo che il taglio effettuato non le crei veramente, come invece molti esperti ritengono possa accadere. Aver tagliato circa 900 alberi con la scusa della sicurezza è un’assurdità.

Assurdità che stranamente viene coperta e garantita da istituzioni e amministrazioni pubbliche. Ci dispiace dire che, forse anche questa volta, il comportamento delle istituzioni e degli amministratori, sia stato dettato dalla necessità di evitare contrasti al loro interno. Forse convinti che la “classe” dirigente sia superiore a tutto e a tutti e che ai sudditi spetta solo ubbidire ai loro dictat. Questi non debbono permettersi critiche o tanto meno contrarietà ai loro progetti. Guai ai sudditi che vorrebbero comportarsi da cittadini.

Non è questo il sistema democratico in cui crediamo. Il valore della democrazia e quindi della partecipazione alle scelte è il bene primario che va preservato e garantito.

A conferma di quanto affermiamo, è venuta la dichiarazione del presidente della provincia Marcello Meroi, che al termine della sua visita alla strada sanmartinese, interessata dai tagli, incurante delle proteste, ha dichiarato che il taglio è regolare e ben fatto e che si rende necessario accelerarne il completamento, anche per riaprire al traffico la strada, chiusa da tempo, nonostante la stessa sia di raccordo tra il sud della provincia e l’ospedale Belcolle.

Il presidente Meroi non ha compreso che quello effettuato è stato solo un taglio che ha distrutto una delle strade più belle del mondo ed è stato voluto per far cassa.
 In proposito non sarebbe male che il comune di Caprarola rendesse pubblici i vantaggi economici ottenuti.

Raimondo Chiricozzi
Aics comitato provinciale Viterbo


Condividi la notizia:
2 marzo, 2014

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR