Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - E' stata arrestata con l'accusa di maltrattamento, lesioni e minacce

Vigilessa minaccia figlia: “Prendo la pistola e ti ammazzo”

Condividi la notizia:

Due pattuglie dei carabinieri generica

Due pattuglie dei carabinieri

Roma – “Prendo la pistola e ti ammazzo”.

Con queste parole una madre e vigilessa di 51 anni avrebbe minacciato la figlia di 19. Una delle tante liti fra le due che stavolta ha superato il limite.

Tante le denunce in passato per lesioni e maltrattamenti, tutte accompagnate da referti medici.

La vigilessa le avrebbe urlato contro accusandola di non aver ancora trovato un lavoro.

Stando alle prime ricostruzioni, poco dopo la lite, la 19enne sarebbe fuggita nel cortile col telefonino per chiamare i carabinieri.

All’arrivo dei militari la situazione sembrava tranquilla e il capopattuglia avrebbe chiesto spiegazioni alla donna facendosi consegnare la pistola che teneva nella borsa.

Ma poi la donna avrebbe di nuovo iniziato ad urlare.

“Le ho detto che deve svegliarsi quando dico io” avrebbe detto secondo le ricostruzioni.

“Non fai altro che mangiare. Se non la smetti e cambi vita prendo la pistola e ti ammazzo, tanto lo sai che ce l’ho a casa”.

Dopo queste parole durissime è scattato l’arresto con l’accusa di maltrattamento, lesioni e minacce.

La figlia è stata portata al pronto soccorso per un dolore alla schiena, causato, forse, dalla colluttazione con la madre.


Condividi la notizia:
20 marzo, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR