Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Tribunale - Condannato l'ex ballerino di "Amici" - La sentenza poco prima delle 16

Violenza sessuale, cinque anni e mezzo a Catello Miotto

Condividi la notizia:

Catello Miotto

L’ex ballerino di “Amici” Catello Miotto

L'ex ballerino di "Amici" Catello Miotto

L’ex ballerino di “Amici” Catello Miotto

Catello Miotto insieme al cugino, che lo ha accompagnato in tribunale

Catello Miotto insieme al cugino, che lo ha accompagnato in tribunale a Viterbo

Viterbo – Cinque anni e mezzo a Catello Miotto.

L’ex ballerino di “Amici di Maria De Filippi” è stato condannato per violenza sessuale dal tribunale di Viterbo.

La sentenza, poco prima delle 16, dopo una camera di consiglio di oltre un’ora e mezza.

Miotto era accusato di aver violentato l’ex moglie di un suo amico quando viveva a Bagnaia, nel 2010. Lo stupro sarebbe avvenuto la notte del 26 febbraio, dopo una serata che Catello aveva passato con l’ex marito della donna. Una bevuta insieme. Poi il ballerino viene mandato via da un locale perché ubriaco. Aspetta l’amico in un altro bar e, alla fine, sale nel suo appartamento, pensando che fosse rincasato. Invece, in casa c’è l’ex moglie, venuta a badare alla figlioletta a letto con l’influenza.

Da qui in poi, le versioni del ballerino e della donna contrastano: lei dice di essere stata costretta a un rapporto sessuale; lui, invece, sostiene da sempre che la donna fosse consenziente e lo abbia accusato solo perché a sorprenderli è stato l’ex marito.

Per il ballerino del famoso talent, oggi insegnante di danza a Bologna, il pm Chiara Capezzuto aveva chiesto sei anni e tre mesi. La parte civile 100mila euro di risarcimento. Mentre la difesa, assoluzione per non aver commesso il fatto.

Due ore di udienza, una e mezza di camera di consiglio e la sentenza letta in aula alle 16 dal giudice Eugenio Turco (a latere Silvia Mattei e Rita Cialoni). La difesa farà appello. 

 


Condividi la notizia:
11 marzo, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR