Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Tanto manca prima di passare alla discussione e approvazione del documento, slittate a giugno

Bilancio, a caccia di tre milioni e mezzo di euro

Condividi la notizia:

Il sindaco Leonardo Michelini

Il sindaco Leonardo Michelini

Viterbo – (g.f) – Alla chiusura del bilancio mancano tre milioni e mezzo di euro.

In comune l’approvazione è stata spostata da febbraio a marzo e poi da marzo a probabilmente giugno.

Perché far quadrare i conti si sta dimostrando meno facile di quello che sembrava.

Sarà colpa della crisi, dei minori stanziamenti da parte del governo centrale, delle spese, che taglia taglia, ma quelle essenziali per la vita dell’ente non si possono eliminare, sta di fatto che Michelini e i suoi stanno mettendo a dura prova calcolatrici e calcolatori.

Una bozza di bilancio starebbe girando in questi giorni fra i diversi assessorati, per provare a tirare le somme, l’impressione però, è che ci vorrà ancora un po’ di tempo.

Con l’allentamento del patto di stabilità e i trasferimenti dalla regione, per l’amministrazione comunale si allargano i margini di spesa, magari per la pista d’atletica (metà) al campo scuola o il cimitero di Grotte Santo Stefano o la palestra, ma rimangono sempre tre milioni e mezzo da trovare.

Come andrà a finire? Tagli alla spesa? Magari per 500 – 600mila euro. Di più è improbabile che si riesca a intervenire su questo fronte.

Aumentare le entrate? Tasse? Fra Tarsu e Tasi, a palazzo dei Priori stanno cercando di capire l’orientamento del governo e quindi posizionarsi di conseguenza.

Di sicuro nel bilancio in fase ancora di elaborazione, un peso ce l’ha pure la riscossione dei tributi.

Con l’uscita di scena di Esattorie, la riscossione del coattivo è stata affidata a Equitalia. Tuttavia, per effetto del contenzioso in atto con la vecchia società, gli archivi a disposizione non sarebbero completi, facendo registrare un calo delle entrate rispetto al passato. In compenso il comune risparmia l’aggio dovuto a Esattorie. Un milione circa.

Un bilancio non facile, con cui il comune comunque dovrà fare i conti.


Condividi la notizia:
3 aprile, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR