Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Emergono nuovi particolari sull'inchiesta sul dossier taroccato

Fiorito accusato di aver contraffatto o fatto contraffare le fatture

Condividi la notizia:

Franco Fiorito

Franco Fiorito esce dalla procura di Viterbo

Paolo Gianlorenzo

Paolo Gianlorenzo

L'ex assessore regionale Angela Birindelli in procura per l'interrogatorio

Angela Birindelli

Viterbo – Falsificatore o mandante del falso.

Così viene identificato Franco Fiorito negli atti dell’inchiesta sulle fatture taroccate del gruppo regionale Pdl.

La vicenda approdò sui giornali nazionali, insieme alle fatture contraffatte. La procura di Viterbo iscrive da subito nel registro degli indagati “l’ex federale di Anagni”. Gli inquirenti sospettano sia stato proprio Fiorito a diffondere le fatture false sulla stampa nazionale. Cornice: la lotta intestina nel Pdl. In particolare, tra l’allora capogruppo regionale Francesco Battistoni e lo stesso Fiorito, suo predecessore.

Movente: screditare Battistoni attraverso le spese folli per cene, viaggi e pubblicità. Ma le cifre dei documenti contabili sono risultate fasulle. Proprio per questo Fiorito risponde di falso: “avendo materialmente contraffatto o comunque fatto contraffare” i documenti in questione, come si legge sull’avviso di conclusione dell’inchiesta recapitato nei giorni scorsi agli indagati.

Nell’indagine del pm di Viterbo Massimiliano Siddi, Fiorito è accusato anche di calunnia e diffamazione. Quest’ultima ipotesi in concorso con il giornalista di Viterbo Paolo Gianlorenzo. Tra le fatture incriminate, infatti, ce n’era una riguardante un fantomatico viaggio di Battistoni con la sua segretaria Erica Antonelli: viaggio in albergo in camera matrimoniale, che però non è mai esistito.

Gianlorenzo è stato l’unico, a livello locale e nazionale, a pubblicare l’intero dossier con le fatture false. Ma Fiorito nega di avergliele date. Nega anche di aver incontrato il giornalista viterbese, spiegando di averlo sentito solo due volte al telefono.

Quanto all’accusa di calunnia, invece, è a danno dell’allora coordinatore regionale del Pdl Vincenzo Piso. Fiorito lo avrebbe accusato di aver falsificato le fatture. Non esplicitamente, ma in modo sottile.

Ai due interrogatori a Viterbo, davanti al pm, avrebbe detto di aver portato le fatture a Piso, che poi le avrebbe fatte fotocopiare dai suoi collaboratori, per riconsegnarle, infine, a Fiorito. “Al suo ritorno mi ha consegnato gli originali e quella che io ritenevo fosse una copia di essi”, ha spiegato Fiorito al magistrato. Copia che poi avrebbe a sua volta fatto fotocopiare “senza effettuare alcun raffronto con gli originali, anche perché in quel momento non avevo alcun motivo di sospettare alcunché”.

All’interrogatorio, Fiorito si dice convinto che la copia consegnatagli dalla segreteria di Piso fosse del tutto conforme a quella da lui consegnata a loro. Il seguito che Fiorito non dice ma suggerisce è che quella copia era tutto fuorché conforme all’originale, perché falsificata, secondo lui, in corso d’opera, tra le fotocopie e la successiva riconsegna. 

Ma anche Piso è stato sentito dal pm. Dice che Fiorito aveva con sé gli originali di fatture e documentazione varia, più delle copie che il coordinatore regionale Pdl presumeva fossero estratte da quelle stesse fatture. Piso aggiunge di aver concordato un profilo basso con la stampa, alle riunioni con gli altri membri del partito. “Se avessi fatto ciò (divulgare le fatture sui quotidiani, ndr) sarei stato un pazzo, in quanto si trattava di documentazione che doveva ancora essere vagliata dai vertici del partito e, pertanto, non aveva alcun senso che io suggerissi di propalarla alla stampa in quel momento”, ha precisato Piso in procura.

La versione della sua segretaria, ascoltata anche lei dagli inquirenti, si armonizza perfettamente con quella del coordinatore regionale Pdl. La ragazza ha spiegato che “l’onorevole Piso ha dato una veloce occhiata alla documentazione e si è molto arrabbiato, stigmatizzando la gravità del fatto documentato da tale dossier, ovvero lo sperpero di denaro pubblico che da esso emergeva”. Piso è andato alle votazioni della camera. La ragazza ha fotocopiato i documenti per lui e per Fiorito, che gli ha lasciato un ulteriore plico. La segretaria precisa che “dalla consistenza e dalla forma sembrava contenere ulteriore documentazione”. 

Fiorito le avrebbe detto “che sarebbe passata in seguito l’assessore Angela Birindelli e di consegnare il plico a quest’ultima”. “Dopo circa venti minuti si è presentata nel mio ufficio l’assessore Angela Birindelli chiedendomi di consegnarle il plico lasciatomi da Fiorito. Senza aggiungere altro, se n’è andata”.

In questa indagine fresca di chiusura, Angela Birindelli non è mai stata indagata. Gli inquirenti ne hanno chiesto il rinvio a giudizio nell’ambito di un altro fascicolo: quello sulla macchina del fango a danno di Battistoni.


Condividi la notizia:
17 aprile, 2014

Inchiesta fatture false ... Gli articoli

  1. "Francesco Battistoni adesso scoppia..."
  2. "C'era un clima da coltelli dentro Forza Italia, chi si esponeva rischiava"
  3. "Falso il voucher con cui si insinuava che Battistoni avesse l'amante"
  4. "Il dossier è una bomba, disse Fiorito, accanendosi su Battistoni..."
  5. Fatture tarocche, tre giornalisti i primi testimoni dell'accusa
  6. Fatture tarocche, slitta l'ora della verità
  7. Processo fatture tarocche, ping pong tra giudici
  8. Fatture taroccate, Battistoni si costituisce parte civile
  9. Fatture tarocche, partito il processo
  10. Fatture tarocche, se ne riparla tra qualche giorno
  11. Fatture tarocche, al via il processo
  12. Diffamazione a Battistoni, Fiorito prosciolto
  13. Fiorito e Gianlorenzo rinviati a giudizio
  14. Fatture false, ancora guai per Franco Fiorito
  15. Fatture false, chiesto il rinvio a giudizio per Fiorito e Gianlorenzo
  16. Fatture 'tarocche', Fiorito e Gianlorenzo davanti al gup
  17. Fatture taroccate, Fiorito a processo per diffamazione
  18. Fatture taroccate, udienza preliminare per Fiorito e Gianlorenzo
  19. Fatture false, chiesto il rinvio a giudizio per Fiorito e Gianlorenzo
  20. Fatture false, la chiusura delle indagini sul Corriere della sera
  21. Fatture false, chiuse le indagini
  22. Fatture false, ok la proroga delle indagini
  23. "Incomprensibile richiesta di proroga delle indagini"
  24. Ultima chiamata per Franco Fiorito
  25. Fatture taroccate, indagine alla conclusione
  26. Fatture tarocche, chiesta proroga delle indagini
  27. "Io con le fatture false non c'entro nulla"
  28. Fatture false, blitz della polstrada in Regione
  29. Piso valuterà se costituirsi parte civile contro Fiorito
  30. Quattro ore di interrogatorio per Piso
  31. Piso in procura a Viterbo
  32. Pc e fatture restano sotto sequestro
  33. Possibile nuovo interrogatorio di Fiorito
  34. "Mai chiesto dossier a Fiorito"
  35. Fiorito ai pm: la Birindelli mi chiese quel dossier
  36. "Mai partecipato a riunioni con coordinatori regionali"
  37. "Mai preso faldoni dalla segretaria di Fiorito"
  38. "Fiorito ha indicato il possibile falsificatore"
  39. Fiorito interrogato per cinque ore
  40. Fiorito indagato anche a Viterbo
  41. Taormina: "Gianlorenzo dovrà spiegare..."
  42. "Analogie tra l'inchiesta Birindelli e quella sulle fatture false"
  43. Fiorito: Non so nulla di fatture false
  44. Fiorito: "Con le fatture false non c'entro niente"
  45. Pazienti: "Almeno sei fatture false"
  46. Franco Fiorito è arrivato in procura
  47. Fiorito ascoltato come testimone dalla procura di Viterbo
  48. Fatture "taroccate", scatta la prima denuncia
  49. Tre ore a caccia di un dossier
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR