--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Dal fax in un ufficio a Civita, a firma di un coordinatore comunale - Interrogazione del consigliere regionale Sabatini (Ncd): "Episodio grave e censurabile"

Lettera del Pd spedita a spese della Asl

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Daniele Sabatini

Daniele Sabatini

Viterbo – Il telefono dell’ufficio e il fax sono dell’ufficio, ma utilizzati per comunicazioni di natura politica. Si può fare?

Probabilmente no, ma per avere maggiori ragguagli, il consigliere regionale Ncd Daniele Sabatini ha interrogato il presidente del consiglio Daniele Leonori.

Siamo a Civita Castellana, è il 18 febbraio, quando da un ufficio della Asl parte un fax indirizzato agli amministratori della Tuscia: “In cui si chiede – è riportato nell’interrogazione a risposta scritta – un incontro con i cittadini, in deroga ai canonici orari d’ufficio, nel rispetto di un partito politico rappresentato in consiglio e nel rispetto verso i cittadini, che nelle giornate feriali lavorano”.

Il fax si chiude con la firma di chi lo spedisce e la qualifica. Che però non ha nulla a che vedere con la sanità.

La comunicazione porta, infatti, nome e cognome, seguiti dalla qualifica ricoperta all’interno del Partito democratico. Un coordinatore comunale.

Per questo Sabatini vuole sapere se il presidente Zingaretti, in qualità di commissario ad acta e Luigi Macchitella, commissario Asl di Viterbo, siano stati informati: “Del grave episodio – osserva Sabatini – e se Macchitella non intenda convocare l’estensore del fax e dare notizia dell’accaduto alle autorità competenti e se Zingaretti non intenda chiedere al gruppo del Partito democratico in regione, chiarimenti sulla vicenda che vede coinvolto un amministratore locale”.

Sabatini si domanda pure se non siano stati intrapresi anche provvedimenti verso Macchitella, per verificare l’adeguatezza del suo operato.

Mentre sulla comunicazione partita dal fax Asl: “L’episodio – spiega Sabatini nell’interrogazione – appare grave e censurabile sul piano morale e professionale – istituzionale e risulta ancora più grave che chi ricopra incarichi di partito dia un esempio distorto del corretto uso delle risorse a disposizione sul posto di lavoro, in spregio al rispetto cui i cittadini sono richiamati”.

Giuseppe Ferlicca

 


Condividi la notizia:
17 aprile, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR