--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Polizia - Si inventa una scusa per allungare la libera uscita, arrestato

“Mi si è rotto il furgone”, evade dai domiciliari

Condividi la notizia:

Una pattuglia della polizia

Una pattuglia della polizia

Viterbo – Evade dai domiciliari, arrestato.

Ha cercato di allungare il permesso di cui disponeva per qualche ora. Ma ha usato una scusa poco convincente.

E’ così che, per un 46enne, noto pregiudicato viterbese agli arresti domiciliari si sono aperte le porte del carcere Mammagialla.

L’uomo beneficiava di un permesso di libera uscita di qualche ora la mattina, ma alle 13 doveva tornare a casa. Il 12 aprile ha pensato bene di inventarsi una scusa per allungare la sua passeggiata: “Mi si è rotto il furgone“, ha spiegato, chiamando il 113 e aggiungendo che sarebbe rientrato con i mezzi pubblici. 

Ma gli agenti non gli hanno creduto. Ai successivi controlli, il 46enne non è risultato in casa. Né nel tardo pomeriggio dello stesso 12 aprile, né nei giorni successivi. Rintracciato successivamente, ha ammesso di non aver avuto nessun guasto.

Semplicemente, era andato a Roma con la fidanzata.

La squadra mobile lo ha arrestato per evasione, come disposto dal magistrato di sorveglianza che ha revocato i domiciliari e ordinato il carcere.


Condividi la notizia:
18 aprile, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR