Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il caso del dentista scomparso - Gianfranco Fiorita scrive al suo legale Roberto Alabiso dal Paraguay e spiega: "Sono scappato per salvare me stesso e la mia famiglia"

“Risarcirò chi ne ha diritto, non i furbetti di quartiere…”

di Francesca Buzzi

Condividi la notizia:

L'avvocato Roberto Alabiso

L’avvocato Roberto Alabiso

L'avvocato Roberto Alabiso

Il legale del professionista scomparso nel 2010

il dentista Gianfranco Fiorita

il dentista Gianfranco Fiorita

Viterbo – “Risarcirò chi ne ha diritto, non i furbetti di quartiere…”.

Gianfranco Fiorita, il dentista che fece perdere le sue tracce da Viterbo nell’ottobre del 2010 lasciando a bocca aperta (e anche dolorante) decine di pazienti, chiarisce in una lunga e dettagliata email la sua posizione, dichiarandosi disposto a pagare.

“Fiorita – spiega in una conferenza stampa l’avvocato Roberto Alabiso – mi ha confermato la volontà di risarcire chi ha subito un danno in conseguenza del suo improvviso trasferimento in Paraguay quasi quattro anni fa. Ma a una condizione: lui stesso vuole valutare caso per caso tutte le posizioni affinché solo chi ne ha realmente diritto riceva i suoi soldi”.

Il professionista, che finora mai si era fatto vivo dal Paraguay, se non tramite una riservata corrispondenza con il suo avvocato, che lo difende nel processo a suo carico per appropriazione indebita, vuole stavolta rivolgersi alle sue vittime: quelle vere e quelle, a suo dire, false.

Il tutto per mettere i puntini sulle i a una serie di voci circolate negli ultimi giorni.

Il 2 aprile, infatti, si aggiunse alla telenovela di Fiorita un nuovo tassello. In occasione di una delle udienze di fronte al giudice Eugenio Turco, si era venuto a sapere che il dentista era stato arrestato in Paraguay per maltrattamenti nei confronti della moglie e che, in conseguenza di questo episodio, lo stato sudamericano gli avesse ritirato il passaporto ed era in procinto di rispedirlo in Italia.

“Le cose, invece, non stanno così – precisa l’avvocato Alabiso -. Fiorita ha risolto i suoi problemi con la legge in Paraguay perché la moglie ha rimesso la querela e lui è stato liberato dopo pochi giorni in cella. Quanto al passaporto è stato lui stesso, su mio consiglio, ad averlo riconsegnato all’ambasciata. Ora quindi è di nuovo libero, ma non può muoversi da lì”.

La decisione di riconsegnare il passaporto ha motivazioni ben precise. Su Gianfranco Fiorita, infatti, pende ancora una custodia cautelare per la quale qualora tornasse in Europa dovrebbe essere immediatamente arrestato. Problema che invece non si pone in Paraguay dove, tra l’altro, non c’è obbligo di estradizione.

“Per ora lui resta lì in totale libertà – continua il legale – ma alla prossima udienza farò certamente un’istanza di revoca della custodia al giudice e a quel punto, se venisse accolta, Fiorita potrebbe tornare. La restrizione nei suoi confronti non ha ormai alcun senso: sono passati quattro anni dai fatti per i quali fu formulata e lui, nel frattempo, si è stabilito dall’altra parte del mondo”.

Quanto al risarcimento, la volontà del dentista a pagare quanto dovuto pare ci sia. A delle condizioni ben precise però.

“Dimostreremo – scrive Fiorita di suo pugno in una mail indirizzata all’avvocato – la presenza di numerosi “furbetti di quartiere” che hanno cercato di approfittare della mia assenza, forzata per la serie di minacce ricevute, per trarre vantaggi personali”.

Del resto la “querelle” sulla cifra contestata al professionista del Pilastro non è nuova. Più di 660mila euro per il pm Stefano D’Arma che ha condotto l’inchiesta nei suoi confronti. Non più di 120mila euro, il debito che, secondo la difesa, si porta dietro Gianfranco Fiorita. “Senza contare – ci tiene a sottolineare Roberto Alabiso – che il mio cliente avrà circa 90mila euro da incassare dai creditori che dopo la sua fuga ovviamente sono spariti nel nulla”.

Finora, comunque, non è stata avviata alcuna trattativa con le parti civili.

“Il mio unico referente nazionale e internazionale è l’avvocato Roberto Alabiso al quale mi lega un’amicizia di lunga data – avrebbe ribadito il dentista – e solo lui ha l’incarico di portare avanti questa vicenda. Nessun altro mi ha contattato e, comunque, con nessun altro avrei parlato di certe cose”.

Fiorita, insomma, sembra disposto a ripianare i suoi debiti, e pur facendo una sorta di “mea culpa” non nega di essersi sentito vittima di una serie di comportamenti. Proprio qui starebbero i motivi della sua improvvisa partenza per il Paraguay.

“L’emissione dell’ordine di cattura europeo – conclude la lettera del dentista – e il sequestro dei beni mi hanno fatto trovare senza sostegno economico per affrontare l’imputazione e nella necessità di vivere come un fuggitivo per salvare la mia incolumità fisica costringendo la mia famiglia a vivere nelle condizioni più disagiate possibili”.

Francesca Buzzi


Condividi la notizia:
14 aprile, 2014

Il caso del dentista scomparso ... Gli articoli

  1. Gianfranco Fiorita radiato definitivamente dall'albo dei dentisti
  2. Dalla fuga in Paraguay alla condanna, un decennio sul filo del rasoio per il dentista Fiorita
  3. Scappò in Sudamerica coi soldi, 2 anni e 3 mesi al dentista Gianfranco Fiorita
  4. Dentista scappato in sudamerica, per la difesa non fu appropriazione indebita
  5. Dentista scappato col malloppo, l'accusa chiede un anno e dieci mesi
  6. "Il giorno che saltò la sentenza, Fiorita stava per essere operato al cuore"
  7. Fiorita pronto a denunciare le vittime...
  8. I dentisti: "Fiorita ci abbandonò a Santa Cruz..."
  9. "Fiorita ci ha rovinato"
  10. "Migliaia di euro a Fiorita, poi è scappato..."
  11. Dentista ex latitante, a maggio riparte il processo
  12. Processo Fiorita, tutto da rifare
  13. Il processo al dentista Fiorita riparte da zero
  14. Gianfranco Fiorita in ospedale
  15. E' di nuovo Fiorita-show
  16. Gianfranco Fiorita a settembre di fronte al giudice
  17. Interrogatorio di fronte al giudice per Gianfranco Fiorita
  18. "Ho lasciato una clinica in attivo con 100mila euro da incassare"
  19. "Gli ex soci di Fiorita sono stati corretti e in buona fede"
  20. Fiorita al contrattacco: "Io vittima dei miei ex soci"
  21. "Sono scappato per salvarmi dalla morsa dell'estorsione"
  22. La verità di Fiorita può attendere
  23. Revocati i domiciliari a Fiorita
  24. Fiorita, il Riesame si riserva sulla scarcerazione
  25. Gianfranco Fiorita ai domiciliari
  26. Minacce all'avvocato di Fiorita
  27. Fiorita al Riesame per chiedere la libertà
  28. Fiorita all'attacco di ex soci e inquirenti
  29. Svuotato lo studio di Fiorita
  30. Dentista arrestato, no alla scarcerazione
  31. "Fiorita non ha un posto dove andare"
  32. Fiorita resta a Mammagialla
  33. "Un gesto importante per dimostrare la volontà di collaborare"
  34. "Chiederò che Fiorita sia rimesso in libertà"
  35. Fiorita arrestato in aeroporto
  36. Il dentista latitante torna in Italia
  37. "Fiorita mi teneva all'oscuro di alcuni incassi"
  38. "Solo senza misura cautelare Fiorita potrebbe tornare in Italia"
  39. Sequestrati i beni del dentista latitante
  40. "Fiorita si dimentica dei danni morali..."
  41. Fiorita arrestato in Paraguay, presto il rimpatrio
  42. Il latitante Fiorita non risponde alle email, l'avvocato: "Sono preoccupato"
  43. Maxisconto a chi si serviva delle finanziarie
  44. Seimila euro di attrezzature utilizzate e mai pagate
  45. "Io non so nemmeno se mio fratello è vivo o morto"
  46. Dentista latitante, ascoltati 14 testimoni
  47. Dentista latitante, riprende il processo
  48. Dentista latitante, in 49 chiedono i danni
  49. Dentista latitante, inizia il processo
  50. Appropriazione indebita, Fiorita a giudizio
  51. Dentista scomparso, chiuse le indagini
  52. Fiorita torna a farsi vivo
  53. Fiorita non ha preso voli diretti
  54. "Io vittima di Fiorita voglio giustizia"
  55. Fiorita raccoglieva fondi per un ospedale

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR