--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Maxiretata antidroga - Arresti domiciliari al posto del carcere - In giornata, qualcun altro potrebbe uscire da Mammagialla

Babele, almeno in cinque tornano a casa

Condividi la notizia:

Operazione Babele - Gli arrestati - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – Gli arrestati – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

 

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Viterbo – Prime scarcerazioni nell’ambito del blitz antidroga Babele.

Almeno in cinque sarebbero tornati a casa già ieri pomeriggio, autorizzati dal gip Franca Marinelli e su parere positivo del pm Paola Conti. Restano comunque agli arresti domiciliari.

Lo stesso pubblico ministero, titolare dell’inchiesta sullo spaccio a cielo aperto in centro storico, aveva chiesto la sostituzione del carcere con i domiciliari per alcuni indagati nei giorni scorsi. Merito dell’entrata in vigore della nuova normativa sugli stupefacenti, che per i fatti meno gravi prevede una pena massima di quattro anni. 

Dalla tarda mattinata di ieri, hanno potuto lasciare il penitenziario femminile di Civitavecchia la 27enne dominicana Angela Hernandez Abreu e la 63enne viterbese Caterina Pierini. Quest’ultima era già stata arrestata a luglio: la finanza la trovò con un trolley pieno di cocaina. Più di un etto di polvere bianca con bilancini, sostanza da taglio e materiale per confezionare le dosi. Lei disse che la valigetta gliel’aveva lasciata il suo vicino di casa: Jonnathan Ysael Batista Cabrera, uno dei dominicani arrestati nella maxiretata antidroga della scorsa settimana.

Gli altri tre mandati agli arresti a casa sarebbero tutti italiani. Il gip non avrebbe ancora finito di valutare le istanze di alleggerimento della misura presentate dai difensori degli arrestati. Oltre ai cinque già spediti ai domiciliari, altre scarcerazioni sarebberi attese in giornata.

Del resto in molti hanno già chiesto il patteggiamento, in continuazione con precedenti condanne per spaccio. Qualcun altro è incensurato e potrà beneficiare della condizionale. Le posizioni dei dominicani e dei tunisini sarebbero le più delicate.

Per gli inquirenti sarebbero stati i due gruppi di stranieri a gestire il traffico di cocaina, marijuana e hashish in entrata a Viterbo. Da qui, il nome del blitz dei carabinieri del nucleo investigativo e dei finanzieri della sezione mobile di polizia tributaria: operazione “Babele” come la “Babele” di etnie coinvolte nello spaccio di droga in centro. Dominicani tra San Faustino e via Cairoli. Maghrebini nella zona di San Pellegrino. Più la metà degli arrestati di nazionalità italiana, cui gli inquirenti riconoscerebbero un ruolo di secondo piano. Molti si sono difesi all’interrogatorio di garanzia dicendo di essere semplici consumatori di stupefacenti, che comprano la droga per tenerla per sé.

In giornata, il gip dovrebbe fare la quadra di tutte le posizioni ed esprimersi definitivamente sulle misure cautelari.

C’è da aspettarsi una piena adesione al parere del pm Paola Conti. Nell’ordinanza, il giudice è stato chiaro e duro nel parlare di “allarme sociale” e spaccio nel “cuore pulsante della città”, come un’offesa a cittadini, turisti e forze dell’ordine. Per i presunti perni del traffico di droga, inoltre, sussistono esigenze cautelari di reiterazione del reato e inquinamento delle prove. Lo stesso gip Marinelli scriveva che il carcere metteva al riparo dal rischio di contatti degli spacciatori con i loro canali di rifornimento che, per i tunisini, sarebbero a Roma, mentre nel caso dei dominicani sono rimasti totalmente nell’ombra.


Condividi la notizia:
27 maggio, 2014

Operazione Babele ... Gli articoli

  1. Spaccio di droga in centro, altri tredici rinvii a giudizio
  2. "'Gnocchi' non significava droga, ma attributi sessuali"
  3. Spaccio di droga in centro, impiegata statale assolta dopo tre anni
  4. Spaccio in centro, 12 patteggiamenti e un'assoluzione
  5. Spaccio di droga in centro, Babele bis non decolla
  6. "Qui è pieno di formiche, bisogna rinviare lo scambio"
  7. Inventa un lavoro, nuovi guai per l’ex stella del baseball viterbese
  8. "Nonna coca" slitta ancora l'udienza
  9. Spaccio in centro, trenta indagati
  10. Babele della droga, sarà processo veloce
  11. Babele della droga, difese contro il processo veloce
  12. Processo Babele è subito rinvio
  13. Spaccio in centro storico, l'ultimo uomo nega
  14. Babele, parola all'ultimo latitante
  15. Operazione Babele, arrestato l'ultimo latitante
  16. Evade dai domiciliari, arrestato 'big' della retata Babele
  17. Operazione Babele, arrestato latitante
  18. Droga nel centro storico, in 11 a processo subito
  19. Babele, una decina verso il processo subito
  20. Consumatori di cocaina, ma non spacciatori
  21. Blitz Babele, ordinanza annullata per due fratelli
  22. Maxiretata antidroga, domiciliari entro ventiquattr'ore
  23. "Andremo fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo"
  24. I braccialetti elettronici ritardano, gli arrestati rimangono in carcere
  25. "L'impianto accusatorio resta solido"
  26. Babele, in cinque ai domiciliari col braccialetto
  27. Maxiretata antidroga, ore di attesa per gli indagati
  28. Maxiretata antidroga, al Riesame per la libertà
  29. Retata antidroga, interrogatori a tamburo battente
  30. Maxiretata antidroga, il pm chiede i domiciliari per 5 spacciatori
  31. Babele, gli arrestati si difendono
  32. "Custodivo la cocaina per 50 euro"
  33. Maxiretata antidroga, da giovedì gli interrogatori
  34. "Un 'pollo intero' per quattromila euro"
  35. Il mercato della droga spartito tra due bande
  36. Blitz antidroga, 32 arresti e 61 perquisizioni
  37. Blitz antidroga, raffica di arresti e perquisizioni
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR